I film in sala nel week end dell’Epifania

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Week end al cinema: buon anno con le commedie italiane, da I migliori giorni di Massimiliano Bruno e Edoardo Leo con un super cast di protagonisti molto amati a Tre di troppo di e con Fabio De Luigi e Virginia Raffaele. Per chi ama il giallo Un vizio di famiglia e per i bambini L’ispettore Ottozampe simpatico combinaguai

Buon anno con la commedia e soprattutto una commedia italiana decisamente per tutti che schiera in pochi titoli una buona sintesi di comicità non senza qualche punta di amarezza, comunque lontana dalle risate di un ventennio di cinepanettoni che dominavano il cinema delle feste.

Se avete già visto gli imperdibili Avatar 2 e The Fabelmans, per chiudere l’appuntamento al cinema con qualche risata sotto l’albero dopo Il grande giorno di Aldo Giovanni e Giacomo uscito per Natale, offre ora il ritorno del film a episodi con I migliori giorni, diretto a quattro mani da Massimiliano Bruno e Edoardo Leo, anche protagonisti con Anna Foglietta, Max Tortora, Marco Bonini e Pietro De Silva, Paolo Calabresi, Valentina Lodovini, Luca Argentero, Greta Scarano e ancora Claudia Gerini e Stefano Fresi.
Un cast di attori che sono anche molto amici in una commedia per ridere e riflettere sul costume e i sentimenti ma forse anche per dare un senso diverso alle feste non solo di fine anno: in sintesi, come dicono gli stessi autori, per raccontare anche con un pizzico di cattiveria un’Italia di oggi in cui a volte c’è poco da ridere. Qualche idea sugli episodi? Bruno e Leo con Anna Foglietta, Marco Bonini e Pietro De Silva sono protagonisti del primo episodio dedicato al Natale, il racconto di una cena della Vigilia in cui Stefania, deputata politicamente corretta, oltre che ai suoi fratelli, apre le porte al segretario del suo partito, rimasto da poco vedovo, durante la quale si accende il contrasto tra tra pro-vax e no-vax. Siamo a Capodanno invece con Max Tortora e Paolo Calabresi, un’imprenditore che, per “ripulirsi l’immagine”, passa l’ultimo dell’anno in una mensa per i poveri e lì incontra l’autista che aveva licenziato. A San Valentino, arriva un gioco delle coppie con Lodovini, Argentero, Greta Scarano e Maria Chiara Centorami e si chiude  l’8 marzo con la storia di Margherita (Claudia Gerini), madre di una ragazza con tendenze suicide e brillante conduttrice televisiva, e Paolo (Stefano Fresi), autore del suo programma e gli intrecci delle storia ci fanno riflettere sul senso di certe date fatidiche…

È una commedia sulla famiglia il film con la regia di Fabio De Luigi anche protagonista e con Virginia Raffaele, Fabio Balsamo e Marina Rocco. Tre di troppo racconta la storia di una coppia senza figli che si trova per un curioso incantesimo improvvisamente alle prese con tre ragazzini che costringono i neo genitori ad affrontare quello che avevano evitato per tutta la vita. Riusciranno a ritornare alla vita di prima, come desiderano più di ogni altra cosa? Simeone, Sofia e Max, di 10, 9 e 6 anni li costringeranno a quell’esperienza infernale che hanno sempre detestato in un clima da favola in cui spunta anche un pedagogo interpretato dallo sceneggiatore Nicola Guaglianone.
Con Charlotte M. – Il Flamingo party ha debuttato in commedia anche un film teen diretto da Emanuele Pisano con Charlotte M., YouTuber/TikToker che debutta al cinema nella storia di una ragazza al primo anno di liceo che farà di tutto per salvare la sua amata oasi di fenicotteri dalla chiusura. Charlotte M. è già stata doppiatrice nel film d’animazione Lo Schiaccianoci e il Flauto Magico, qui affronta una commedia adolescenziale che per ora non è comunque riuscita a decollate.

Per i bambini più piccoli c’è invece l’animazione de L’ispettore ottozampe e il mistero dei misteri, adatto soprattutto agli under 10. Il protagonista è un simpatico ragnetto che risolve molti casi, ma combina sempre guai…
Oltre il cinema italiano e la commedia, Un vizio di famiglia di Sébastien Marnier con Laure Calamy (ricordate la segretaria di Chiami il mio agente?) e Doria Tillier, Dominique Blanc, Jacques Weber in cui Stéphane si ritrova inaspettatamente in un ambiente di super ricchi quando ritrova un padre miliardario ma l’incontro si trasforma in un giallo con molti colpi di scena e bugie, e soprattutto un clima di sospetti che ci lascia definire il film come un vero e proprio thriller familiare sulla fine del patriarcato e sul prezzo delle ingiustizie di certe famiglie.
Segnaliamo infine il drammatico Close, film diretto da Lukas Dhont, storia di un’amicizia tra i tredicenni Léo e Rémi, molto legati e abituati a dimostrarsi affetto in pubblico senza preoccuparsi di cosa possa pensare chi li vede da fuori finché la domanda insinuante di una compagna di classe sul loro legame li mette nella condizione di interrompere la loro amicizia. Léo inizia a evitare il suo amico, ma Rémi non riesce a capire il vero motivo del perché il suo migliore amico abbia cambiato atteggiamento nei suoi confronti. Un finale inatteso cambierà i loro destini per sempre in un film che affronta evidentemente oltre l’amicizia il tema dell’identità sessuale.
Finiscono le feste, dedichiamo un pomeriggio o una serata al cinema in sala…