Venezia 79: verso la chiusura, a chi andrà il Leone d’Oro?

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Venezia 79: Con Siccità di Paolo Virzì e Chiara di Susanna Nicchiarelli applausi al debutto degli ultimi autori italiani. Brad Pitt superstar sul red carpet di Blonde, biopic su Marilyn Monroe. Domani sera si chiude: a chi andrà il Leone d’Oro?

Si avvicina il traguardo finale, domani sera i premi che resteranno nella storia di questa Mostra 79 che sigla anche i primi 90 anni della Biennale. Fioccano le prime ipotesi, si azzarda il toto Leone sperando che un Premio Mastroianni e magari una Coppa Volpi possano far sorridere il cinema italiano. Ci sarà un premio argentino? E se il leone fosse un po’ africano? La Giuria è già riunita, alla fine di undici giorni di grande cinema visto in serenità e forse con qualche blindatura in meno del passato almeno per la presenza agli eventi più istituzionali.
In una Mostra fortemente siglata dalla fluidità, come si dice, ma anche dall’attenzione e il rispetto per le tematiche LGBT e per il grande tema non ancora risolto delle battaglie sui diritti civili, come sul cinema civile, facile potersi aspettare anche un verdetto in sintonia con le proposte del Direttore Alberto Barbera, ma l’ultima parola non è ancora detta.

E non è chiusa neanche la passerella dei film italiani, oggi on stage con Chiara di Susanna Nicchiarelli, ieri con Siccità di Paolo Virzì, distopica cronaca di una Roma e un mondo messi a dura prova dalle calamità naturali in cui il regista sceglie la catastrofe per un viaggio nelle solitudini e nelle follie di un’umanità persa, disgregata, assediata da blatte che invadono le case e le strade, mentre un fiume disseccato diventa il simbolo di un’aridità anche personale, nei rapporti tra le persone che solo un diluvio catartico forse laverà via dalle coscienze e dalla quotidianità. Cast stellare e squadra importante nella scrittura su un soggetto di Paolo Giordano, il film sarà in sala dal 29 settembre con Silvio Orlando, Valerio Mastandrea, Monica Bellucci, Elena Lietti, Tommaso Ragno, Claudia Pandolfi, Vinicio Marchioni, Diego Ribon, Max Tortora, Emanuela Fanelli, Gabriel Montesi, Sara Serraiocco.
Dal mondo catastrofico di Virzì a quello medievale di un’Assisi che assume, con toni imprevedibilmente femministi, la rilettura del personaggio di Santa Chiara, in una chiave di forte contemporaneità che ripropone lo spirito ribelle della santa in un film interpretato da Margherita Mazzucco con Andrea Carpenzano, Carlotta Natoli, Paola Tiziana Cruciani, Paolo Briguglia e con la partecipazione di Luigi Lo Cascio. E come dice nelle sue note la regista Susanna Nicchiarelli al centro del film c’è il sogno di una vita di comunità senza gerarchie e meccanismi di potere. Una lettura della vita di Chiara, meno conosciuta di quella di Francesco, che “restituisce l’energia del rinnovamento, l’entusiasmo contagioso della gioventù, ma anche la drammaticità che qualunque rivoluzione degna di questo nome porta con sé”.

Sul fronte della cronaca Brad Pitt, nel ruolo del produttore, con mascherina di ordinanza, ha letteralmente infiammato il pubblico sul red carpet di Blonde di Andrew Dominik in concorso, con l’attrice cubana Ana De Armas nel ruolo di Marilyn Monroe in una lettura particolarmente raffinata che non ha però convinto tutta la critica. Nel cast tra gli altri il premio Oscar Adrien Brody nel ruolo del secondo marito Arthur Miller e Julianne Nicholson, la madre single che vedremo in manicomio. “Sentivo il peso della responsabilità di interpretarla ma anche la voglia di renderle giustizia ha raccontato l’attrice che interpreta una Marilyn anche in scene decisamente audaci.
In chiusura No Bears-Gli orsi non esistono di Jafar Panahi. Les miens di e con Roschdy Zem, attore franco-marocchino superstar in Francia ed è ovvio che al centro della giornata sia  soprattutto la vicenda del regista iraniano, già vincitore del Leone d’Oro, che non sarà a Venezia perché in prigione dal luglio scorso in Iran per aver partecipato alle proteste per l’arresto di due autori, nonostante un movimento internazionale ne abbia chiesto la libertà.
La Mostra si chiude domani sera, domenica il nostro bilancio finale…