Venezia 78: la volta dei fratelli D’Innocenzo e si corre verso il finale. Chi vincerà il Leone d’Oro?

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Venezia 78: La Mostra corre verso il finale con l’ultimo film italiano in concorso. America latina dei fratelli Fabio e Damiano D’Innocenzo. Cinema italiano alla riscossa e trionfo dei generi per incuriosire il pubblico più giovane. E sabato sera sapremo chi vincerà…

America latina chiude oggi la maratona del cinema italiano in concorso: ai fratelli D’Innocenzo, outsider di una generazione che sta cambiando lo storytelling e a Elio Germano, ormai il loro ‘attore feticcio’, il compito di alzare l’ultima bandierina sulla presenza italiana, una presenza di qualità che certifica per una ripartenza in grande stile, ricca di talenti, di novità, di idee che aprono un varco anche ad un ricambio generazionale.

Se dopo Sorrentino, Martone, Frammartino e, ieri Gabriele Mainetti ci fosse ancora bisogno di sottolinearlo, basta certamente l’accoglienza strepitosa che i film italiani in concorso hanno avuto in sala per dirci che la voglia di un nuovo inizio non manca. È accaduto per Paolo Sorrentino che ha chiuso il conto con un privatissimo sospeso importante della sua adolescenza e forse di tutta la sua vita. Con Mario Martone che ha trasformato la storia di Eduardo Scarpetta e l’affresco della Napoli Belle Epoque di Qui rido io in un film sul senso della paternità tiranna e istrionica di un ‘padre padrone’ della scena anche familiare ma anche in un meraviglioso affresco sulla storia cardine del teatro napoletano.

Poi ieri l’esplosione di colori, idee, trovate, effetti speciali, musica e costumi, fino alla voglia di riversare sul pubblico (dei giovani?) un’effervescenza di citazioni cinematografiche del film di Gabriele Mainetti, Freaks out. E qui vale la pena di spendere due parole in più perché, supportato dalla sceneggiatura scritta con Nicola Guaglianone questa volta trasforma il vecchio Jeeg Robot riemerso dalle acque del Tevere in un intero circo di supereroi della porta accanto e li trasforma in un mondo di ‘strani’ che nasce dal culto dei diversi celebrati dal cinema: Freaks Out, come dice il titolo del film, con qualcosa che significa anche fuori di testa… insomma ‘diversi’ impazziti come succede al protagonista.

“Se Jeeg Robot è stato lo scavo preliminare, questo film è la diga di un cinema fantasmagorico, capace di trovare anche la commistione di generi propria della nostra commedia. “I personaggi devono diventare straordinari, ma diventano eroi aiutando gli altri” dice Mainetti che ha costruito la squadra dei suoi magnifici 4 pescando nel mondo del circo ma anche nella Storia e soprattutto nel cinema. Grande Spettacolo nel circo strampalato dei Mezzapiotta ma anche in quello nazista di un manager pazzo che aiuta a costruire il film mixando nei generi. 

E di generi si è parlato anche in occasione del Leone d’Oro a Jamie Lee Curtis arrivata con l’ultimo Halloween al seguito per dare un segno di continuità alla saga horror iniziata trionfalmente da John Carpenter ormai quarant’anni fa. Halloween Kills, presentato Fuori Concorso alla Mostra del Cinema di Venezia avrà certamente un buon ritorno commerciale ma è possibile che giocando con i generi sia magari Mainetti a trascinare in sala qualche ‘nerd’ che sa tutto di supereroi e adora però anche il cinema di casa nostra.

Grande carisma, una bellissima storia personale, anche tra le difficoltà della vita affrontate con uno sguardo libero e felicemente conciliato con il tema della diversità, Jamie Lee Curtis ha ricordato quanto deve ai suoi tre più grandi successi: Halloween, Un pesce di nome Wanda e True Lies. Ai quali va aggiunto Una poltrona per due: “Devo molto a John Landis, quando mi scelse ero solo un’attrice da film horror, lui diede il via alla mia carriera”.

Venezia 78 corre verso il gran finale ed è già l’ora dei bilanci e delle previsioni: chi vincerà il Leone d’Oro? Difficile prevederlo ma certo se spuntassero due Coppe Volpi per Toni Servillo e Penelope Cruz indubbiamente grandi protagonisti di quest’edizione, la Giuria sarebbe gà applaudita con  convinzione.

Sabato in diretta preserale su Rai Movie la serata di premiazione: premi ed emozioni in diretta. Poi anche qui, come sempre, gli ultimi commenti e la chiusura di questa maratona…