Week end col cinema: Via al count down per la notte degli Oscar® Anche Brad Pitt tra i protagonisti della serata tra molti ‘premiatori’ eccellenti e Laura Pausini, dal vivo, sul palcoscenico. Ecco come Hollywood si prepara alla 93.ma edizione del Premio più importante e atteso dal cinema di tutto il mondo. E la sfida più accesa è tra le protagoniste …

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Anche quest’anno gli Oscar sono finalmente in arrivo, un’edizione che si giocherà anche dal vivo: due location interessate, ospiti illustri in palcoscenico, senza escludere i collegamenti in streaming, grande attenzione al distanziamento. Certo non mancheranno la profilassi preventiva dei tamponi e le mascherine ma, come sempre, tutto il mondo potrà seguire da Los Angeles la premiazione in diretta che anche in Italia entrerà nel vivo non prima delle 2 del mattino di domenica prossima, 25 Aprile. Nella partita più importante del campionato mondiale del cinema l’Italia gioca con lo splendido Pinocchio di Matteo Garrone candidato per i costumi di Massimo Cantini Parrini e il make up (trucco e parrucco di Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti)       e con la canzone del film Edoardo Ponti La vita davanti a sé  che ha già vinto il Golden Globe- Io Sì (Seen)– e ascolteremo dal vivo con Laura Pausini invitata ad interpretarla live nella serata.

Come sempre sarà un cast stellare ad annunciare i premi sostituendo per una volta l’immagine di un unico presentatore della serata. Tra i nomi sono già annunciati Brad Pitt, Joaquin Phoenix, Reese Witherspoon, Renée Zellweger e ancora Angela Bassett, Halle Berry, il regista Bong Joon Ho, Laura Dern, Harrison Ford, Marlee Matlin, Rita Moreno, Joaquin Phoenix. In ritardo di due mesi sulla data prevista la cerimonia si svolgerà, per la prima volta, in una doppia location: al Dolby Theatre di Hollywood e alla Union Station di Los Angeles. Il film più candidato è  con 10 nomination Mank. Ma potrebbe essere l’anno delle donne e in cinquina non mancano, finalmente, le registe: Chloe Zhao e Emerald Fennell, rispettivamente per Nomadland e Promising Young Woman solo le due entrate in nomination per la prima volta nella storia quasi centenaria degli Academy Awards. Le altre nomination per la migliore regia sono per David Fincher (Mank),Lee Isaac Chung con Minari, e Thomas Vinterberg per Another Round (Un altro giro).Ed ecco i titoli candidati per il miglior film: The Father, Judas and the Black Messiah, Minari, Nomadland, Promising Young Woman, Sound of Metal e The Trial of the Chicago 7 (Il processo ai Chicago 7) ma,come abbiamo già detto, il boom di nomination è per il film in bianco e nero Mank sulla vita dello sceneggiatore Herman J. Mankiewicz che tra le 10 ottenute conta quella per miglior regista (David Fincher) e il miglior film.

Con alcuni tweet l’Academy ha cominciato a svelare, in questi giorni i particolari di organizzazione di una delle edizioni degli Oscar più attese e come tutto ciò che riguarda gli eventi più difficili di sempre. Ecco lperchè ìun parterre di star assicurato sarà il miglior antidoto ad un’edizione sulla carta sicuramente meno ‘smart’  nella storia del premio che traccia di anno in anno la storia non solo di Hollywood ma dei più grandi successi mondiali.

Non è ancora chiaro quanto vedremo in diretta da Dolby Theatre, e quanto invece andrà in streaming com’è avvenuto ai Golden Globes ma i premiatori dovrebbero essere a Los Angeles in presenza mentre per i candidati si annunciano collegamenti web anche da un’altra location hollywoodiana.

Una cosa è certa, le donne sono sicuramente in primo piano , non solo tra le registe anche per i temi che i loro personaggi incarnano: in cinquina ci sono film che incarnano due leggende della musica come Billie Holiday e Ma Rainey, una donna che lotta e si vendica contro gli abusi maschili, una madre alle prese con il lutto di un figlio e , ancora la straordinaria nomade contemporanea di un film che ha vinto il Leone d’oro a Venezia: nell’ordine Andra Day (The United States vs. Billie Holiday), Viola Davis (Ma Rainey’s Black Bottom), Carey Mulligan (Una donna promettente),Vanessa Kirby (Pieces of a Woman) e Frances McDormand (Nomadland) in gara per l’Oscar® alla migliore attrice protagonista, la categoria dove forse è più difficile il pronostico annunciato da molti consensi per tutte. Se a Viola Davis è andato infatti il Sag Award dei Sindacato degli Attori, Carey Mulligan ha appena vinto il Critics Choice Award e Andra Day il Golden Globe. Vanessa Kirby, poi, alla prima nomination, ha vinto la Coppa Volpi a Venezia e, infine, Frances McDormand  ha già vinto ben due Oscar®: è forse tra tutte la più amata dagli Oscar®, una vera anti diva a Hollywood, vincitrice nel 1997 per Fargo e nel 2018 per Tre manifesti a Ebbing, Missouri  in gara, sia anche come coproduttrice di Nomadland , storia di workcamper, i nuovi nomadi in cerca di lavori stagionali.

Amanda Seyfried è invece in gara per l’Oscar fra le attrici non protagoniste per Mank di David Fincher, il film che ripercorre la genesi di Quarto potere dalla prospettiva di Herman J. Mankiewicz (interpretato da Gary Oldman), lo sceneggiatore di un film storico che arriva agli Oscar con le due dieci nomination, compresa quella per la Seyfried  data come favorita nella cinquina delle attrici non protagoniste. Deve vedersela con Maria Bakalova (Borat Seguito di film cinema), Glenn Close (Elegia americana), Olivia Colman (The Father), Youn Yuh-jung (Minari).

Comunque, in attesa di domenica 25 ecco le nomination per essere pronti a seguire la lunga notte hollywoodiana giocando con i pronostici

 

Ecco la lista completa delle candidature

Miglior film

The Father

Judas and the Black Messiah

Mank

Minari

Nomadland

Una donna promettente

Sound of Metal

Il processo ai Chicago 7

 

Migliore regia

Thomas Vinterberg, Another Round

David Fincher, Mank

Lee Isaac Chung, Minari

Chloé Zhao, Nomadland

Emerald Fennell, Una donna promettente

 

Migliore attrice protagonista

Viola Davis, Ma Rainey’s Black Bottom

Andra Day, The United States vs. Billie Holiday

Vanessa Kirby, Pieces of a Woman

Frances McDormand, Nomadland

Carey Mulligan, Una donna promettente

 

Migliore attrice non protagonista

Maria Bakalova, Borat Seguito di film cinema

Glenn Close, Elegia americana

Olivia Colman, The Father

Amanda Seyfried, Mank

Youn Yuh-jung, Minari

 

Miglior attore protagonista

Riz Ahmed, Sound of Metal

Chadwick Boseman, Ma Rainey’s Black Bottom

Anthony Hopkins, The Father

Gary Oldman, Mank

Steven Yeun, Minari

 

Miglior attore non protagonista

Sacha Baron Cohen Il processo ai Chicago 7

Daniel Kaluuya Judas and the Black Messiah

Leslie Odom Jr. One Night in Miami

Paul Raci Sound of Metal

LaKeith Stanfield Judas and the Black Messiah

 

Miglior film internazionale

Quo Vadis, Aida? (Bosnia Erzegoniva)

Another Round (Danimarca)

Better Days (Hong Kong)

Collective (Romania)

The Man Who Sold His Skin (Tunisia)

 

Miglior film d’animazione

Onward

Over the Moon

A Shaun Sheep Movie: Farmageddon

Soul

Wolfwalkers

 

Miglior corto d’animazione

Burrow

Genius Loci

If Anything Happens I Love You

Opera

Yes-People

 

Migliore sceneggiatura originale

Judas and the Black Messiah

Minari

Una donna promettente

Sound of Metal

Il processo ai Chicago 7

 

Migliore sceneggiatura non originale

Borat Subsequent Moviefilm

The Father

Nomadland

One Night in Miami

The White Tiger

 

Miglior colonna sonora originale

Da 5 Bloods

Mank

Minari

Notizie dal mondo

Soul

 

Migliore canzone originale

Fight for You (Judas and the Black Messiah)

Hear My Voice (Il processo ai Chicago 7)

Húsavík (Eurovision Song Contest)

Io Sì (Seen) (La vita davanti a sé)

Speak Now (One Night in Miami)

 

Miglior montaggio

The Father

Nomadland

Promising Young Woman

Sound of Metal

Il processo ai Chicago 7

 

Migliore fotografia

Judas and the Black Messiah

Mank

Notizie dal mondo

Nomadland

Il processo ai Chicago 7

 

Migliore scenografia

The Father

Ma Rainey’s Black Bottom

Mank

Notizie dal mondo

Tenet

 

Migliori costumi

Emma

Mank

Ma Rainey’s Black Bottom

Mulan

Pinocchio

 

Migliori effetti speciali

Love and Monsters

The Midnight Sky

Mulan

The One and Only Ivan

Tenet

 

Miglior trucco

Emma

Elegia americana

Ma Rainey’s Black Bottom

Mank

Pinocchio

 

Miglior sonoro

Greyhound

Mank

Notizie dal mondo

Sound of Metal

Soul

 

Miglior cortometraggio

Feeling Through

The Letter Room

The Present

Two Distant Strangers

White Eye

 

Miglior corto documentario

Colette

A Concierto is a Conversation

Do Not Split

Hunger Ward

A Love Song for Latasha

 

Miglior documentario

Collective

Crip Camp

The Mole Agent

MY Octopus Teacher

Time