Week end al cinema: La vita straordinaria di David Copperfield come commedia brillante e Trash, per insegnare ai più piccoli con un film d’animazione cos’è la raccolta differenziata

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

È La vita straordinaria di David Copperfield di Armando Iannucci con Dev Patel, Tilda Swinton, Hugh Laurie, Ben Whishaw l’uscita più internazionale e senza dubbio divertente del week end. A ben centosettant’anni dalla sua pubblicazione eccolo di nuovo il romanzo di formazione più significativo di Charles Dickens nell’ennesima  versione cinematografica  stavolta dichiaratamente “pop”. Con Oliver Twist, romanzo amatissimo dall’autore David Copperfield stavolta è finito nelle mani di un regista scozzese nonostante il nome italiano, molto applaudito per la sua vena comica (ricordate Morto Stalin se ne fa un altro ?) che trasforma in una commedia brillante l’opera considerata un caposaldo della letteratura di tutti i tempi. Dev Patel ( era in The Millionaire) è il protagonista (omonimo del papà di cui è rimasto orfano ancor prima di nascere un venerdì a mezzanotte), l’aristocratica zia paterna, Betsey Trotwood, è  Tilda Swinton, che avrebbe voluto in realtà una nipotina, Mr. Micawber è  Peter Capaldi (premio Oscar ®per la regia del cortometraggio Franz Kafka’s It’s a Wonderful Life).Ma ricorderete anche gli altri protagonisti del romanzo qui in una chiave decisamente rinfrescata dalla comicità.

Ben diverse le risate nazionalpopolari di Lockdown all’italiana di Enrico Vanzina con Ezio Greggio, Paola Minaccioni, Ricky Memphis, Martina Stella, Riccardo Rossi. Il cast dice tutto, e qualche polemica sul manifesto un po’ troppo in stile cinepanettone fa capire il resto. Esordiente alla regia dello sceneggiatore di tanti film firmati con i fratello Carlo, Enrico Vanzina ha voluto esorcizzare forse in chiave di commedia il presente della quarantena durante il lockdown, per dirla con lui, per dare fiducia e contribuire alla ripartenza con “una commedia simpatica ma rispettosa, a basso budget, girata in ottemperanza a tutti i protocolli del Covid”.

Trash di Francesco Dafano e Luca Della Grotta è un cartoon italiano rivelazione: appena lanciato da Alice nella città alla Festa del Cinema parla di rifiuti abbandonati con un’anima e una vita propria. Come nei capolavori Disney (il modello è Wall-E della Pixar) Slim, Bubbles e i loro amici andranno incontro a mille infortuni, indifesi e immobili durante il giorno ma la loro storia può insegnare ai bambini qualcosa sulla raccolta differenziata

The Secret: Le verità nascoste di Yuval Adler con Noomi Rapace, Joel Kinnaman racconta invece la storia di una giovane sopravvissuta all’Olocausto rifugiata in America che torna  nell’incubo dei ricordi  quando incrocia un uomo che fischietta le stesse note di un suo torturatore nel lager… Ancora: in Imprevisti digitali di Benoit Delépine e Gustave Kervern con Blanche Gardin, Denis Podalydès, Corinne Masiero e Michel Houellebecq, raccontano la storia di una dipendenza dalla Rete tra tre i francesi che si coalizzano contro i colossi del Web … Tra le uscite italiane anche Alessandra: un grande amore e niente più di Pasquale Falcone ma soprattutto segnaliamo in sala due documentari evento: a 16 anni dalla scomparsa di Marco Pantani, un film che riapre il caso giudiziario mai risolto e diventa un noir d’inchiesta ripercorrendo le circostanze, tuttora oscure, della sua morte. E  rimettendo Il caso Pantani tutto in discussione: Con Brenno Placido, poi Fabrizio Rongione e Marco Palvetti anche il Pantani intimo, nella sua Cesenatico attraverso il rapporto con la madre e con la fidanzata, con l’amico di sempre. Il regista è Domenico Ciolfi, la storia di Pantani è vissuta come un racconto che si snoda tra interessi economici, criminalità organizzata, droga e malavita.

Segnaliamo infine tra i documentari evento Maledetto Modigliani di Valeria Parisi,  viaggio nella storia di un’artista molto da scoprire. Il cinema? Con la mascherina, ma l’importante è tornare in sala.