Week end al cinema: poche uscite ma segnaliamo comunque le novità visibili con il ritorno di un autore già di culto come Xavier Dolan con Matthias & Maxime. L’assistente delle star con Dakota Johnson per la commedia e su Raiplay, per bambini e famiglie, Ötzi e il mistero del tempo

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

E’ come una caccia al tesoro, ma qualche novità a poco arrva sugli schermi, in sala o sulle piattaforme e , per amore del  cinema, ecco i tre titoli che debuttano in questo week end: Matthias & Maxime di e con Xavier Dolan, L’assistente delle  star con Dakota Johnson per la commedia e su Raiplay, per bambini e famiglie, l’italianissimo Ötzi e il mistero del tempo di Gabriele Pignotta, che racconta di un’amicizia speciale con una mummia che, in Trentino, esiste realmente.

Cominciamo dal titolo cult che sigla il ritorno di Xavier Dolan, sempre  molto atteso, ricordando che Dolan è giovanissimo e talentuoso, amato dai festival più cool e molto dal fan club dei cinefili più giovani. E’ la piattaforma MioCinema a proporre il suo toccante film dello scorso anno. E il film racconta la storia di un’amicizia di ritorno che si trasforma  a sorpresa nella scoperta di un amore  e   di un nuovo orientamento sessuale. ”Vi siete mai baciati?” chiedono gli amici ai due ragazzi che si ritrovano dopo anni cresciuti e fermi alla loro amicizia d’infanzia. E loro: “Mai lavando i piatti…”. I piatti hanno a che fare con il set di un piccolo cortometraggio indipendente che parla anche di un amore gay e li fa reincontrare cresciuti e cambiati anche se non sene rendono davvwro conto all’inizio della storia. Ed è il copione a  prevedere quel bacio che scatena una vera e propria tempesta emotiva alla quale non sfuggiranno. Matthias (Gabriel D’Almeida Freitas) e Maxime (lo stesso regista, Xavier Dolan) sono cresciuti insieme ma, persa una scommessa, sono costretti a prendere parte al cortometraggio amatoriale di un’amica, un gioco, ma dopo questa piccola avventura tutto cambierà nella loro vita facendo nascere nella loro mente il dubbio delle scelte sessuali. Girato in Quebec, il film è come dice Dolan “multilingue” ed è stato in concorso un anno fa a  Cannes.

La ricerca della propria identità sessuale, il rapporto intergenerazionale  e quello tra madri e figli sono ancora una volta i tre temi centrali della narrazione. E Dolan torna a fare anche l’attore dai tempi di Tom à la ferme. Ma il film parla soprattutto di amicizia in una storia che potrà essere vista dal 27 oltrechè su MioCinema anche su Sky: a 31 anni con qlcuni film già  al suo attivo l’enfant prodige del cinema canadese è tornato a casa e dice in video via web  “ho ancora moltissime cose da fare e da dire”. Aspettiamo, per scoprirle, le prossime avventure

Taglio completamente diverso per un altro titolo che arriva in distribuzione la commedia L’assistente della star di Nisha Ganatra con Dakota Johnson, Tracee Ellis Ross, Bill Pullman, Ice Cube, Eddie Izzard unico film del weekend che arriva in sala grazie a  Universal soprattutto per merito del richiamo di Dakota che  nel film è l’aspirante producer musicale Maggie, precaria costretta a subire i capricci, come assistente, di una cantante tiranna come Grace Davis. Riuscirà a non rinunciare al suo sogno? Vedere il  film per scoprirlo, ma è facile pensare ad un lieto fine di riscatto e alla  classica opportunità da non perdere…

Un mistero, le montagne, una strega, e una mummia soprattutto, che si risveglia   dopo 5000 anni: la storia comincia quando tutto questo capita a un ragazzino che crede fortemente nella magia (anche grazie a una mamma antropologa, molto sensibile al  tema degli incantesimi, per una tradizione familiare) il film diventa  una favola credibilissima che ha a che fare con il vero uomo dei ghiacci conservato al Museo Archeologico di Bolzano, proprio la mummia sulla quale proprio la scienziata ha appena finito di indagare… Ötzi si risveglia, cominciando a rigenerarsi e  in incognito, incontrerà il ventunesimo secolo, facendo apprendere al suo  giovane amico i segreti dell’età del rame Inseguiti per i boschi e le montagne dell’Alto Adige, Ötzi e i suoi nuovi amici vivranno un’avventura spericolata e indimenticabile arrivando a confrontarsi coraggiosamente con le proprie paure e fragilità e  a metterle in discussione con assoluta razionalità.

Il film presentato al Giffoni Film Festival   due anni fa era  stato premiato come Miglior Film nella sezione Elements+6 ma ha avuto una distribuziome b eve che  ora può essere recuperata. Ovviamente nella storia non mancano i brividi: per esempio una strega a cui Ötzi deve sfuggire(una dark Alessandra Mastronardi). Ed è un protagonista assoluto del film, in un cast che comprende anche Vinicio Marchioni, anche il paesaggio dell’Alto Adige, tra il Renon e il ghiacciao delle Dolomiti in cui è stata davvero ritrovata la mummia.

Un paesaggio suggestivo che sembra perfetto per un esperimento tutto italiano che apre una strada nazionale ad una narrazione per i più giovani, Anche se con l’aiuto del cinema in tv, piccoli spettatori cresceranno? Speriamo proprio di sì, soprattutto in questa stagione così difficile e ancora sospesa per tanto cinema…