Week end al cinema: Gli anni più belli di Gabriele Muccino per emozionarsi, sorridere e commuoversi con Pierfrancesco Favino, Micaela Ramazzotti, Kim Rossi Stuart, Claudio Santamaria e il debutto al cinema di Emma Marrone. In sala anche molti documentari; Sonic ispirato dai videogiochi e il thriller del regista del film Oscar® Parasite, Memorie di un assassino

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Ci siamo: dopo almeno due settimane piene di super promozione e anticipazioni, è in sala per il week end di San Valentino Gli anni più belli di Gabriele Muccino. Amori, amicizia, molti tradimenti e una storia di rivincita sulla vita, non solo sentimentale, con una carrellata di momenti storici della nostra vita, dalla fine dei ’70 a oggi.

Non è l’impossibile remake di C’eravamo tanto amati come si immagina possa essere, ma certamente un grande dichiarato omaggio a quel bellissimo di Ettore Scola cui si ispira l’intreccio di sentimenti, delusioni e rivincite che danno vita quattro protagonisti -nel film quattro amici per la vita- come Pierfrancesco Favino, Micaela Ramazzotti, Kim Rossi Stuart, Claudio Santamaria e con loro\la cantante Emma Marrone per la prima volta sul set. Scritto insieme a Paolo Costella (uno degli sceneggiatori di Perfetti sconosciuti), con le musiche di Nicola Piovani e soprattutto la nuova canzone di Claudio Baglioni (che già abbiamo un po’ tutti nelle orecchie da quando è iniziata la promozione del film). Il film ripercorre quarant’anni di storia non solo italiana: dalla caduta del Muro di Berlino all’11 settembre, da Mani Pulite, all’ascesa di Berlusconi fino alle piazze alla nascita dei 5stelle.

In una storia che Muccino racconta come una continua sfida verso il domani, tutti guardano al loro domani pensando che sarà migliore senza rassegnazione e, come dice il regista, vivendo un tempo quotidiano che è il grande motore della loro vita un po’ come di questo film. In scena quattro amici raccontati, dall’adolescenza alla maturità, con giovani attori perfetti per trasformarsi in adulti nei protagonisti del film. Gemma (Alma Noce poi Micaela Ramazzotti) è una ragazza bellissima ma instabile, che, ancora adolescente e sola, alla morte della madre dovrà trasferirsi a Napoli lasciando il suo primo amore Paolo (Andrea Pittorino poi Kim Rossi Stuart) introverso e destinato a diventare professore di liceo dedicando la sua vita a una madre malata, che assisterà fino alla fine. Paolo è amico per la pelle di Riccardo (Matteo de Buono poi Claudio Santamaria), sopravvissuto a un proiettile durante una carica della polizia, aspirante giornalista, che sposerà Anna (Emma Marrone) ma inconcludente, uno che non sarà mai capace nella vita realmente di crescere e assumersi delle responsabilità. E poi c’è Giulio (Francesco Centorame poi Pierfrancesco Favino), figlio di un meccanico violento e disonesto, che riuscirà a diventare avvocato rampante che facendo assolvere un onorevole coinvolto in uno scandalo sul sangue infetto, ne sposerà la figlia (Nicoletta Romanoff) dopo aver lasciato Gemma, che per lui ha tradito Paolo, lasciandosi sommergere dalla ricchezza ma anche dall’infelicità. Una corsa che strappa anche un po’ di commozione, un film convulso in cui tutti alzano i toni in perfetto stile ‘mucciniano’.

Oltre Gli anni più belli poche le novità interessanti del week end ma molte le curiosità: per esempio il recupero del vecchio film di Bong Joon-ho, dopo l’exploit agli Oscar®, Memorie di un assassino del 2003 che Quentin Tarantino definì “semplicemente un capolavoro”. A Gyeonggi nel 1986 in piena campagna viene trovato il corpo di una ragazza violentata e martoriata. In un clima poliziesco di regime arrivano altri omicidi ed è chiara l’opera di un serial killer. Un ispettore arriva da Seul per fare luce sul caso, ma la squadra investigativa si ostina più a cercare un capro espiatorio che a trovare il vero colpevole.

Sonic è Il film di Jeff Fowler con Jim Carrey tra animazione e live-action, un film dedicato al porcospino dei videogiochi Sega. In Fantasy Island di Jeff Wadlow un personaggio enigmatico riesce a far avverare i sogni dei suoi fortunati ospiti in un lussuoso villaggio vacanze tropicale, dove però le fantasie diventano incubi… Dalla Cina infine Il lago delle oche selvatiche di Diao Yinan poetico noir dalle esplosioni di efferata violenza, che diventa anche l’occasione per una riflessione sulla modernità cinese.

Molte le uscite dei documentari: candidato all’Oscar® Alla mia piccola Sama di Waad Al-Khateab e Edward Watts, è la storia di una regista siriana che ha filmato sé stessa. Cercando Valentina – il mondo di Guido Crepax di Giancarlo Soldi con Stefania Casini e Lunar City realizzato dalla regista, sceneggiatrice e giornalista Alessandra Bonavina. E per i documentari, annunciando altri debutti la prossima settimana, non è tutto.