Week end al cinema: l’ultimo, atteso di Woody Allen con Un giorno di pioggia a New York e il secondo capitolo di Frozen per le famiglie, ma anche Midway per chi ama il cinema d’azione e guerra e poi Il peccato – Il furore di Michelangelo raccontato da Konchalovsky

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Tempo di lettura: 4 minuti

Poche uscite ma decisamente da non perdere in questo week end cinematograficamente perfetto, per chi ama la commedia, con il debutto dell’attesissimo film di Woody Allen, Un giorno di pioggia a New York e il secondo capitolo di Frozen per il cinema in famiglia della domenica. Ma c’è da scegliere anche per chi ama il cinema spettacolare con Midway e il film d’autore con il Michelangelo raccontato dal grande regista russo Andrei Konchalovsky ne Il peccato, girato in Italia, tra i veri cavatori di marmo che si sono trasformati in comparse intorno a un’inedita lettura della vita del grande artista.

Cominciamo senza dubbio da Woody Allen, ritorno al cinema del regista e attore sotto i riflettori per le accuse di violenza sessuale che hanno questa volta decretato in America il boicottaggio del film da parte di Amazon, a dispetto di un’uscita mondiale che la distribuzione internazionale ha comunque scelto fermandosi, di fronte ad un film di indiscutibile valore artistico, ad una valutazione cinematografica, fuori dalle vicende personali dell’autore.

A 84 anni Woody Allen torna qui ad essere il Woody Allen delle sue migliori commedie sofisticate, con un cast in cui spiccano Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law e altri ‘amici’ che hanno deciso di trascorrere un fine settimana a New York. Chalamet non vede l’ora di raccontare alla fidanzata la sua città ora che ne vive lontano e per chi ama New York lo charme dei suoi luoghi più vintage è indiscutibile. Lei arriva dalla provincia, vive in Arizona, ed è una giovane giornalista della piccola università locale dove si sono conosciuti. Gatsby e Ashleigh sono molto innamorati. Ma a New York un giorno di pioggia cambierà la loro storia e il loro destino, non solo sentimentale, scaricando una vera e propria ‘bomba’ d’acqua anche sull’ardore del loro innamoramento. C’ è chi tra i critici ha definito Un giorno di pioggia a New York un’ennesima variazione jazz sull’immaginario newyorkese. Più semplicemente chi ama i grandi film di Woody Allen potrà sentirsi piacevolmente a casa ritrovando New York, una delicata storia  sentimentale, un gioco di coppie che riporta indietro ai tempi di Manhattan e l’emozione di un ritmo che parla di Gershwin ma anche di Scott Fitzerald in omaggio al quale certamente il regista, anche sceneggiatore del film, ha dato al suo protagonista così esile e ragazzo il nome di un Gatsby che non è grande ma è certamente in questo caso molto newyorchese.

Fermato dalle vicende giudiziarie il film continua a on uscire proprio in America ma nel mondo dal 29 Agosto è uscito in Olanda Francia, Belgio, Slovacchia, Spagna, Portogallo e arriva ora in Italia.

Con Frozen 2 – Il segreto di Arendelle, torna l’amatissima animazione Disney in Italia con le voci di Serena Autieri, Serena Rossi ed Enrico Brignano. Si tratta del sequel de Il regno di ghiaccio (del 2013) con un nuovo capitolo della storia delle sorelle Elsa e Anna.

Con la regia di Jennifer Lee e Chris Buck Frozen II è già un successo americano: ha incassato infatti oltre ben 130 milioni di dollari al botteghino siglando il più grande successo di ‘opening’ di sempre per i Walt Disney Studios. In questo sequel Anna, Elsa, Kristoff e Olaf sono alle prese con un viaggio nell’antica foresta autunnale, un viaggio alla ricerca dell’origine dei poteri di Elsa per salvare il loro regno. Per loro e per le due sorelle in particolare una nuova sfida che li metterà sulle tracce di un segreto da svelare.

L’altro grande debutto di questo week end è il film d’azione e storico di Roland Emmerich Midway, sulla battaglia combattuta nell’Oceano Pacifico durante la Seconda guerra mondiale che vide la Marina americana respingere l’avanzata giapponese. Con la regia di Roland Emmerich, la vera storia della Battaglia navale delle isole Midway, combattuta nel Pacifico da giapponesi e americani fra il 4 e il 6 giugno del 1942, punto di svolta cruciale della Seconda Guerra Mondiale. Ovviamente il film la racconta dal punto di vista degli aviatori e dei marinai americani. È indiscutibilmente la loro battaglia: attaccati a sorpresa dai giapponesi a Pearl Harbor, gli americani in ginocchio reagiscono. E in particolare a capo di quello che resta della loro gloriosa flotta navale, l’ammiraglio Chester Nimitz prepara una trappola nell’atollo di Midway combattendo fino alla resa incondizionata del nemico.

Il peccato – Il furore di Michelangelo di Andrei Konchalovsky, non è solo un ‘biopic’, come si dice, del grande artista, ma la storia di un uomo in conflitto soprattutto, con sé stesso. Evento Speciale nel giorno di chiusura dell’ultima Festa del Cinema di Roma è interpretato da un cast anche molto italiano, con Alberto Testone nel ruolo di Michelangelo e tra gli altri, Francesco Gaudiello, Federico Vanni, Orso Maria Guerrini. Chiamato alla corte dei Della Rovere e conteso anche dai Medici a Firenze l’artista il protagonista è tra due grandi commissioni: quella della tomba di papa Giulio II Della Rovere, già committente della “Sistina”, e quella, accettata per boria e denaro, della monumentale facciata della chiesa di San Lorenzo. Roma e Firenze contro nel film dunque, e Michelangelo non riesce a sottrarsi al doppio peccato di superbia e avarizia che lo porteranno quasi alla follia, come i vizi danteschi nell’Inferno, da cui era ossessionato. Come era ossessionato dal marmo delle alpi Apuane, altro grande protagonista del film.

Uscite italiane: la commedia Nati due volte di Pierluigi Di Lallo, con Fabio Troiano ed Euridice Axen, affronta con leggerezza il tema del cambio di sesso e in particolare l’odissea quotidiana di un transgender. C’è poi l’esordio alla regia dell’attore Marco Bocci A Tor Bella Monaca non piove mai, dal suo romanzo omonimo pubblicato tre anni fa, commedia amara, ambientata in periferia degradata, che Bocci ha conosciuto da vicino ma è qui molto diversa dalla ‘TorBella’ di Bangla. Tra i casermoni, una famiglia composta, come dice lo stesso regista da “perdenti: sconfitti, che sanno vivere comunque vivere senza abbandonare la speranza”. Mauro (Libero De Rienzo) è un ex studente disoccupato, che s’arrangia con lavori precarissimi ed è stato lasciato dalla bella e fragile fidanzata, Samantha (Antonia Liskova) che gli ha preferito il rifugio sicuro di un uomo più anziano e finanziariamente solido. Mauro si lascia coinvolgere in una rapina progettata da due amici. Il fratello Romolo (Andrea Sartoretti) dopo il carcere, ha deciso di non cascarci più. C’è poi il padre di Mauro e Romolo (Giorgio Colangeli), un artigiano con una pensione da fame. Per la famiglia Borri costruirsi un futuro ‘normale’ sembra un obiettivo impossibile.

Altri titoli in sala: documentario Marco Polo – Un anno tra i banchi di scuola di Duccio Chiarini è un viaggio alla scoperta del mondo all’interno dell’Istituto Tecnico per il Turismo nel quartiere di periferia dell’Isolotto, a Firenze, dove convivono quotidianamente 150 professori e 1600 studenti.

È infine un ritorno in sala per Alejandro Jodorowski il suo capolavoro Santa Sangre restaurato in 4k in versione originale sottotitolata.