Week end al cinema: Storie da un matrimonio con Adam Driver e Scarlett Johansson e ancora Adam Driver nel thriller di denuncia The Report, ma anche fantasmi a Napoli con Christian De Sica, Ailo con la voce di Fabio Volo e i Pupazzi alla riscossa. Ma La grande sfida è tra Matt Damon e Christian Bale, in pista a Le Mans nel 1966…

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Tempo di lettura: 4 minuti

Matt Damon e Christian Bale in Le Mans ’66 diretto da James Mangold, un film si dice da 100 milioni di dollari ambientato nel mondo delle corse degli anni ’60, quando Ford decise di battere Ferrari sui circuiti di gara più importanti del mondo. É questa sullo schermo La grande sfida di questo week end affollato dai fantasmi napoletani in commedia (con Christian De Sica) e pupazzi cattivi alla riscossa per i bambini, ma anche attento al cinema d’autore grazie a due film con un doppio Adam Driver nel cast, che hanno debuttato rispettivamente alla Mostra di Venezia e alla Festa di Roma.

Ma andiamo con ordine e cominciamo dal grande automobilismo mondiale: in Le Mans ’66 – La grande sfida le invenzioni di Enzo Ferrari, vissuto come il piccolo costruttore di Maranello costringono il grande Henry Ford in persona a chiedere all’ex pilota ingegnere Carroll Shelby (Matt Damon) la progettazione di un bolide capace di vincere su Ferrari, ma Shelby sa bene che deve avere un ‘complice’ e sceglie il pilota inglese Ken Miles (Christian Bale) che guiderà, contro le Rosse, la mitica GT40. Vinceranno nello stesso anno, la 12 ore di Sebring, la 24 ore di Daytona e infine la fatidica Le Mans del 1966 in un film di corse dove le auto sono davvero sulla pista. Curiosità, nel ruolo di Enzo Ferrari c’è Remo Girone. Un film che fa sentire il rombo delle macchine come il sudore di Stallone in Rocky.

Anche Storia di un matrimonio di Noah Baumbach con Scarlett Johansson e Adam Driver – visto a Venezia- è un film da non perdere. Una storia di grandi affetti in cui, come in molti matrimoni, la grande prova di convivenza di una coppia che conosciamo in una sintonia perfetta diventa una rottura insanabile. Spesso nella vita ci si incontra, ci si ama, ci si sposa, si fa un figlio, ci si separa. E qui l’amore, non senza riferimenti autobiografici, è declinato attraverso un divorzio da Noah Baumbach, (e dopo quest’uscita su Netflix dal 6 dicembre). L’amore, come molti sanno, nelle mani degli avvocati può trasformarsi in insulti e costruzioni offensive di alibi e falsità che travolgono i sentimenti più autentici e se ci vuole coraggio a rendersi conto che una storia è finita, ricostruire la propria identità emotiva è un gesto eroico se si vuole salvare comunque un senso di unione soprattutto di fronte ai figli.

E proprio Adam Driver completamente diverso dalla metà della coppia del film di Baumbach è anche protagonista di The Report di Scott Z. Burns con Annette Bening. Qui è Daniel Jones, assistente parlamentare poi giornalista che per conto della senatrice Feinstein, stila un rapporto di durissima denuncia per andare fino in fondo sulla detenzione dei terroristi di Al Qaeda e i sospetti di abusi praticati durante gli interrogatori. Quando i contenuti del rapporto cominciano a filtrare, il governo cerca di fermarlo fino a tentare di incastrarlo come hacker. Un film verità certamente figlio del successo di Spotlight, e vicino al cinema di registi come Alan J. Pakula e Sydney Pollack.

Per la commedia italiana Sono solo fantasmi con la regia di Christian De Sica anche interprete con Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi sperimenta in ben 400 copie il genere horror per sorridere con brivido.  De Sica, Tognazzi e Buccirosso sono tre fratelli di madri diverse che, a fronte di un’eredità che non arriva, si improvvisano acchiappafantasmi, facendo i Ghostbusters a Napoli. Determinante il contributo di Brando De Sica, aiuto alla regia, ancora una volta, accanto al padre.

Per i più piccoli Ailo Un’avventura tra i ghiacci, di Guillaume Maidatchevsky con la voce di Fabio Volo, racconta la storia di un cucciolo di renna, che affronta un viaggio in Lapponia proprio nella Terra di Babbo Natale. Ailo, da fragile e indifeso cucciolo diventerà adulto affrontando la vita. Sempre per i bambini l’animazione propone Pupazzi alla riscossa di Robert Rodriguez e Kelly Asbury con le voci italiane di Federica Carta, Diletta Leotta, Shade, Achille Lauro e Elio. Un film che si ispira alle UglyDolls, i pupazzi creati da David Horvath e da Sun-Min Kim, vero e proprio fenomeno di culto mondiale. Il film è un’avventura animata ambientata a Uglyville, il mondo di Moxy, Mandy, UglyDog, Lucky Bate e Ox, che convivono con la loro diversità non proprio affascinante.

Tra gli altri titoli horror action con Zombieland e in Doppio colpo di Ruben Fleischer c’è Emma Stone. In The Bra Il reggipetto di Veit Helmer con Paz Vega, un ferroviere trova un reggiseno incastrato nel parabrezza del suo treno e decide di andare alla ricerca della donna a cui appartiene.  Come se non ci fosse un domani di Igor Biddau è un film comico a episodi.

Segnaliamo infine dopo il week end almeno tre uscite evento da tener presente: torna in sala lunedì 18 Vertigo – La donna che visse due volte con Kim Novak e James Stewart. E sempre lunedì 18 esce per soli tre giorni Citizen Rosi di Didi Gnocchi e Carolina Rosi, bellissimo documentario su Francesco Rosi, premiato a Venezia dai Giornalisti Cinematografici. Attraverso il cinema di Francesco Rosi tra cronaca, alla politica, la società italiana: Salvatore Giuliano, La sfida, Le mani sulla città, Il caso Mattei, Cristo si è fermato a Eboli, Cadaveri eccellenti, Tre Fratelli, Uomini contro, Dimenticare Palermo, in un viaggio nel cinema civile di Rosi ma anche nella vita e nell’impegno democratico del Cittadino Rosi, come lui amava definirsi.

Uscita in sala anche per il documentario Bellissime di Elisa Amoruso sempre il 18 novembre. La regista del film evento Chiara Ferragni Unposted, qui realizza un secondo documentario sul tema del femminile e del successo, in una famiglia di ‘ragazze’ di età diverse, tutte votate alla logica dell’essere solo se si appare…