Week end al cinema: settimana ricca in sala tra commedie, l’action Attacco al potere 3 e l’horror Il mostro di St Pauli di Akin. Da Venezia anche il noir napoletano 5 è il numero perfetto con Toni Servillo e Valeria Golino.

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Tempo di lettura: 3 minuti

Settimana davvero ricca in sala con un’offerta che non dimentica i generi né i primi film appena ‘passati’ sugli schermi di Venezia. Come 5 è il numero perfetto, esordio alla regia del fumettista Igort con Toni Servillo e Valeria Golino insieme a Carlo Buccirosso e Iaia Forte. E cominciamo proprio da qui, in una Napoli noir, quasi metafisica dove un vecchio killer ormai in pensione è costretto a riprendere il mestiere come accadeva nella graphic novel di Igort, uno dei più grandi fumettisti italiani che firma un esordio alla regia con una bella colonna sonora, accolto con molto calore al Lido, nelle Giornate degli Autori. Napoli anni 70, Peppino Lo Cicero (è Toni Servillo) va a pesca educando alla professione il figlio Ninoma, quando proprio Nino viene ucciso, in un agguato, per mano dell’uomo che era andato a uccidere, “sangue chiama sangue”.

Sempre dalla Mostra del cinema arriverà (il 3 settembre, però) Effetto domino di Alessandro Rossetto con Diego Ribon e Maria Roveran ambientato in una cittadina termale del Nordest italiano, dove un impresario edile e un geometra provano a convertire grandi alberghi abbandonati in residenze di lusso per pensionati miliardari.

Cinema italiano anche con Genitori quasi perfetti di Laura Chiossone con Anna Foglietta, Paolo Calabresi, Lucia Mascino, Marina Rocco, una commedia che con leggerezza punta il dito contro certi eccessi superprotettivi nei confronti dei figli. Diretto da Laura Chiossone, è la storia di Simona (Anna Foglietta), mamma single quarantenne fin troppo attenta nei confronti del suo piccolo Filippo al punto che una festa di compleanno si trasforma in un confronto al vetriolo tra genitori.

Altra commedia appena uscita è L’amour flou – Come separarsi e restare amici di Romane Bohringer e Philippe Rebbot, diario autobiografico di un divorzio molto sui generis, sceneggiatura dichiaratamente autobiografica dell’attrice (e figlia d’arte) Romane Bohringer in coppia con il marito attore Philippe Rebbot. E insieme i due nel film, che hanno scritto, diretto e interpretato, raccontano senza troppi veli un divorzio sui generis ma anche il tentativo di superarlo con la certezza di amarsi per sempre al di là di tutto. Due figli, un cane e dieci anni di convivenza sono il contorno della loro vicenda. Hanno dichiarato i due protagonisti e autori: “La nostra coppia è esplosa, ma la nostra famiglia no. Il fatto di non riuscire più a vivere insieme è un conto, ma abbiamo tenuto tanto a tutto il resto”.

Grande spettacolo e action con Attacco al potere 3 – Angel Has Fallen di Ric Roman Waugh con Gerard Butler e Morgan Freeman, il terzo capitolo di una saga molto amata dagli spettatori, un capitolo di svolta: il protagonista è costretto alla fuga, braccato dalla polizia e dagli agenti dell’FBI, accusato di essere un nemico dello Stato e di aver addirittura attentato alla vita del Presidente degli Stati Uniti, Allan Trumbull (Morgan Freeman), di cui è la guardia personale, Avrà al suo fianco il padre, interpretato da Nick Nolte, new entry nel cast.

Tra le uscite in sala c’è Il nuovo film del turco tedesco Fatih Akin Il mostro di St. Pauli, un horror al sangue ispirato a un fatto di cronaca nella Amburgo degli anni ’70. Quando il serial killer Fritz Honka, uccise, sezionò e seppellì nelle pareti della sua miserabile soffitta quattro donne. Le vittime erano donne sole, anziane prostitute o alcolizzate e i delitti vennero scoperti grazie a un incendio del tutto casuale.

Clima decisamente più leggero in Teen Spirit A un passo dal sogno di Max Minghella con Elle Fanning, storia di Violet che a 16 anni sogna di fare la cantante in un talent show. Tra gli altri titoli Blinded by the Light della regista Gurinder Chadha, presentato a Giffoni, è la biografia di un ragazzo anglo-pakistano con la passione per la scrittura, che diventa autore di testi rock ispirandosi a Bruce Springsteen. Stuber autista d’assalto di Michael Dowse racconta di un poliziotto che non può guidare a causa di un’operazione all’occhio e del suo compagno Stu, un autista Uber, che lo accompagna a svolgere la sua missione.

Tra gli altri titoli City Hunter Private Eyes di Kenji Kodama (II) con Yôko Asagami, Tesshô Genda, è un film che ha conquistato il botteghino giapponese. Iris A Space Opera by Justice di André Chemetoff e Armand Beraud film-concerto sul gruppo di musica elettronica francese, che con Woman Worldwide, ha avuto il Grammy per miglior album di dance/elettronica. E ancora The Rider Il sogno di un cowboy di Chloé Zhao, storia di un giovane cowboy che deve dimenticare i rodei in seguito a una brutta caduta. Lo aiuta la sorellina, che ha la sindrome di Asperger.

Da non perdere per gli appassionati di cinema d’autore, in questo caso asiatico, il coreano Mademoiselle di Park Chan-wook thriller psicologico con tanti colpi di scena a base di noir ed erotismo in un clima di forte sensualità. E’ ambientato in Corea nel 1930, negli anni della dominazione giapponese, dove una donna, Sookee, viene coinvolta nel complotto ordito dal conte Fujiwara, un impostore che mira al patrimonio di una ricca ereditiera nippo-coreana, Hideko. Sookee diviene l’ancella privata di Hideko, ma l’attrazione che nasce tra le due donne mette a rischio il piano di Fujiwara.