Week end al cinema: Soldado con Benicio Del Toro tra Emma Thompson e la coppia Auteuil-Depardieu.

ARTICOLO DI Laura Delli Colli

Tempo di lettura: 4 minuti

Uscite importanti, mentre il grande cinema è sul red carpet della Festa di Roma, con una serie di titoli freschi di lancio. Con Children Act – Il verdetto di Richard Eyre, Emma Thompson e Stanley Tucci sono protagonisti di un legal-drama appassionante e intenso. Thompson, sposata (ma in crisi) con Jack, interpretato da Stenley Tucci, è infatti un eminente giudice dell’Alta Corte britannica che deve prendere una decisione delicata su una questione medica che potrebbe salvare la vita ad un adolescente.

Molto atteso dagli appassionati di action movie è appena uscito Soldado di Stefano Sollima con Benicio Del Toro e Josh Brolin. Sequel dell’action thriller di Denis Villeneuve è il debutto internazionale alla regia del nostro Stefano Sollima, protagonisti due ‘antieroi’ come l’agente federale Matt Graver (è Brolin) che per combattere i narcos assolda il misterioso e impenetrabile Alejandro (Del Toro), la cui famiglia è stata sterminata da un boss del cartello. Alejandro scatenerà una vera e propria, incontrollabile guerra tra bande in una missione che lo coinvolgerà in modo molto personale.

Dall’action movie alla commedia, cominciamo con la Francia: in Sogno di una notte di mezza età di Daniel Auteuil molta autoironia su certe fantasie maschili al giro di boa dei Cinquanta e più, con Gérard Depardieu e lo stesso Auteuil. Il film è la storia di Daniel (Daniel Auteuil) e del suo migliore amico Patrick (Gérard Depardieu). Daniel è molto innamorato di sua moglie ma spesso deve gestire Patrick, un grande amico a volte un po’… ingombrante. Quando, per esempio, insiste per organizzare una cena “tra coppie” con l’obiettivo di presentargli la sua nuova fidanzata, Daniel suo malgrado si ritrova “spiazzato” tra la moglie e le sue fantasie proprio nei confronti della ragazza dell’amico.

Commedia anche made in Italy con un piccolo road movie appena presentato in anteprima alla Festa di Roma, dove tra le pre-aperture è arrivato il tenero In viaggio con Adele di Alessandro Capitani con Alessandro Haber e Sara Serraiocco. Ci sono voluti quattro anni di tenacia per Alessandro Haber, anche autore del soggetto, per vedere finalmente realizzata la storia (riscritta poi con Nicola Guaglianone) di Aldo, attore teatrale iperansioso, egocentrico e ipocondriaco, che è alla vigilia di un importantissimo provino cinematografico con Patrice Leconte (è davvero lui, in un cameo) che gli ha procurato la sua brillante agente (Isabella Ferrari).

Una vita fatta di attacchi di panico e attesa di un film che non arriverà con una sterzata forte quando, al funerale in Puglia di un suo grande amore del passato, Margherita, scopre di aver avuto da lei una figlia, ventenne ‘neurodiversa’ come si autodefinisce senza freni e inibizioni. Il loro viaggio tra mille disavventure e scontri continui si trasformerà anche in un’occasione di conoscenza reciproca.

“I diversi vanno osservati, ascoltati e coccolati”, dice Haber che sottolinea di avere in comune con Aldo “solo” la passione per questo mestiere. “Siamo diversissimi. Lui è anaffettivo, salutista, ansioso. Io invece bevo, fumo e faccio l’amore ogni tanto. Aldo non ha rapporti veri con nessuno. La figlia che scopre di avere, e che all’inizio rifiuta, lo porta a scegliere una nuova vita che si chiama amore”.

Ancora cinema italiano con Nessuno come noi di Volfango De Biasi con Alessandro Preziosi, Sarah Felberbaum, Vincenzo Crea e Leonardo Pazzagli. Cast nazionalpopolare nel senso migliore del termine per un film romantico ispirato al romanzo di Luca Bianchini. Ambientata nella Torino anni ‘80, quando non esistevano né i social né gli smartphone, Nessuno come noi è una commedia romantica sulla forza dei sentimenti, in cui si intrecciano amore, amicizia, passione e tradimento.

Betty è un’insegnante di liceo single per scelta. Umberto un docente universitario, affascinante, alle prese con un matrimonio noioso e privo di passione. I due si incontrano per la prima volta quando Umberto e sua moglie Ludovica decidono di iscrivere il figlio ribelle nel liceo in cui insegna Betty. Nonostante un primo burrascoso incontro, tra loro scoppia una passione pericolosa. Non l’unica vicenda sentimentale però che esplode nel film.

Toni diversi per un film internazionale molto premiato alla scorsa Berlinale: Le ereditiere di Marcelo Martinessi che mette in scena la liberazione psicologica di una donna non più giovane in uno snodo di vita sorprendente, ma è anche un ritratto della società paraguense, con molte contraddizioni. Le Ereditiere è la storia di due donne sulla sessantina, Chela e Chiquita entrambe discendenti della borghesia coloniale decaduta di Asunción, che dopo essere state insieme per trent’anni, devono separarsi a causa di un rovescio finanziario: venderanno i loro beni e Chiquita finirà in carcere. Chela sarà costretta a cambiare il suo stile di vita.

Altri titoli in uscita: Pupazzi senza gloria di Brian Henson, storia di due detective, uno umano e uno pupazzo, che devono risolvere il mistero dietro gli omicidi dei membri della Happytime Gang. Poi il thriller informatico Searching di Aneesh Chaganty.

In un documentario appassionante La mia casa e i miei coinquilini – il lungo viaggio di Joyce Lussu prodotto e diretto da Marcella Piccinini dedicato alla figura di Joyce Lussu, attivista politica, femminista, nonché moglie e compagna di lotte di Emilio Lussu.

Ancora un titolo italiano con Guarda in alto, favola metropolitana diretta da Fulvio Risuleo e interpretata da Giacomo Ferrara, (è Spadino in Suburra), storia di Teco che lavora come assistente in un forno e una mattina assiste a un evento bizzarro che lo porterà sui tetti di Roma. Come in un road movie, Teco si muove da un palazzo all’altro spinto dalla curiosità, scoprendo un mondo e un popolo “sopraterraneo”, una vera e propria comunità con i suoi abitanti e le sue regole.

Per i ragazzi, Piccoli brividi 2 – I fantasmi di Halloween di Ari Sandel con Wendi McLendon-Covey. Per i più piccini L’Ape Maia Le Olimpiadi di miele di Alex Stadermann, Noel Cleary e Sergio Delfino.

Ed escono anche Fuoricampo del collettivo Melkanaa sulle disavventure della Liberi Nantes Football Club, una squadra di calcio composta da rifugiati e richiedenti asilo, che partecipa al campionato di terza categoria senza poter concorrere al titolo. Aspettando, da lunedì 22 ottobre Klimt & Schiele Eros e Psiche di Michele Mally e soprattutto in diretta dalla Festa di Roma il documentario, attesissimo, Fahrenheit 11/9 di Michael Moore.