Io sono tempesta

Tempo di lettura: 1 minuto

In sala Io sono Tempesta con Marco Giallini, Elio Germano e Eleonora Danco, la storia di un industriale condannato a scontare la pena per un reato fiscale.

Il film, realizzato con il supporto di BNL Gruppo BNP Paribas, racconta dell‘imprenditore che Giallini incarna perfettamente dal nome Numa Tempesta, un personaggio tipico della tradizione della commedia all’italiana da Alberto Sordi ad oggi. Abituato a comprare tutto e ovviamente ammalato di solitudine. Quando incontrerà il mondo che abita il girone dei servizi sociali dov’è chiamato a scontare la sua pena, Numa scoprirà, suo malgrado, che la legge del denaro non vale solo per lui.

Il Tempesta di Giallini è spregiudicato ma carismatico, ha tante ragazze intorno a sé ma non prova più desiderio sessuale, tant’è che vive da solo in un immenso hotel dove fatica perfino a prendere sonno. Quando si trova a dar da mangiare, ad accudire una pattuglia di emarginati, di invisibili e incontra Bruno (Elio Germano) giovane padre, separato e disoccupato dopo un fallimento economico, che frequenta il centro con il figlio, il film sfiora l’occasione per una rinascita collettiva all’insegna dell’amicizia.

Ma a volte anche i poveri imparano a speculare in un racconto dove alla fine l’unico personaggio positivo è quello di Eleonora Danco, direttrice del centro di accoglienza, una cattolica rigorosa che cercherà di mettere Numa sulla buona strada…. Ci riuscirà?