Weekend in sala: Lelouch, Pattinson archeologo e il ritorno fragoroso dei Transformers

di Laura Delli Colli

Non c’è dubbio, tra le uscite del fine settimana, certi di trovarlo nelle multisale con (molta) aria condizionata, è Transformers – L’ultimo cavaliere il titolo leader del weekend.

È il quinto capitolo della serie dedicata ai Transformers che debuttarono, alla prima edizione, in una roboante serata – ormai già molto lontana – nel fasto del Teatro Antico di Taormina. Anche in questo nuovo capitolo della saga Mark Wahlberg e Stanley Tucci tornano nei ruoli di L’era dell’estinzione, mentre Josh Duhamel, Tyrese Gibson e John Turturro tornano a fare gli eroi come accadde nei primi tre film della serie. Ma nel film stavolta spicca anche un cameo di Anthony Hopkins.

Ritorno all’avventura più tradizionale invece con Civiltà Perduta, regia di James Gray, basato su un romanzo di successo, per ripercorrere la storia vera dell’esploratore inglese Percy Fawcett, alla ricerca di un’antica città perduta in Amazzonia, dove scomparve nel 1925 assieme al figlio. Fawcett è interpretato da Charlie Hunnam, ma le più popolari star del cast sono Robert Pattinson e Sienna Miller.

È sicuramente più leggero, anche se meno appassionante, il ritorno di Claude Lelouch con la regia di Parliamo delle mie donne, storia di un grande fotografo internazionale che cerca la riconciliazione con le donne della sua vita, a cominciare dalle figlie con le quali ha sempre avuto un rapporto distante.

Lo aiuterà l’amico medico Frédéric, anche se di nascosto, senza che lui sappia nulla, inventando una bugia che sconvolgerà, però, non solo la sua vita ma anche quella delle persone che gli stanno (finalmente) intorno. C’è tutto Lelouch, nella trama e nelle atmosfere fatte di sentimenti e affetti condivisibili, anche se il film non ha la stoffa di alcuni suoi capolavori. Con Parliamo delle mie donne, già invecchiato di tre anni, è capace però di catturare il pubblico con un cast stellare: Johnny Hallyday, Sandrine Bonnaire, Eddy Mitchell, Irène Jacob, Pauline Lefèvre, Sarah Kazemy, Jenna Thiam, Valérie Kaprisky.

Anche in The Habit of Beauty, con Francesca Neri, si parla di Ernesto – un fotografo di successo – e della sua compagna Elena – gallerista – che dall’Inghilterra dove vivono decidono di tornare in Italia per una vacanza. Li attende una tragedia (la trama ci costringerebbe a spoilerare un po’ della vicenda che racconta, ma limitiamoci a un cenno) e questo finirà per dividerli. The Habit of Beauty, diretto da Mirko Pincelli e girato tra Londra e il Trentino, ma soprattutto è interpretato da Francesca Neri e Vincenzo Amato con Elena Cotta, Luca Lionello, Mia Benedetta. Italiano anche il Girotondo di Tonino Abballe, in sala con 60 copie, che racconta una storia di violenza fisica e psicologica. Da segnalare infine anche Metro Manila e due film evento per chi ama i docufilm e le biografie: Michelangelo – Amore e Morte, Robert Doisneau – La lente delle meraviglie.

Tags

, , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema