Week end al cinema: Soderbergh thriller, il coraggio di Gyllenhaal in Stronger e due storie di ricerca del proprio posto nel mondo.

di Laura Delli Colli

Calano le uscite ma c’è ancora cinema d’autore tra le ultime proposte di stagione. È da vedere Unsane di Steven Soderbergh, thriller sperimentalmente girato con uno smartphone che racconta di una giovane donna costretta in un istituto psichiatrico dove si confronta con la paura. La sua allucinazione tiene in tensione lo spettatore per tutto il film nel dubbio che quello che accade alla protagonista sia o no reale o piuttosto un incubo partorito dalla sua stessa mente. Presentato in prima mondiale, fuori concorso, al Festival di Berlino 2017, Unsane è stato girato da Soderbergh in una struttura ospedaliera da poco dismessa a Pomona, nello stato di New York, con un cast ridotto e una troupe al minimo.

Stronger di David Gordon Green con Jake Gyllenhaal è invece ispirato a una storia vera, accaduta durante l’attentato alla maratona di Boston. Gyllenhaal interpreta uno dei sopravvissuti a quell’attentato del 2013. C’è andato per riconquistare Erin aspettarla alla fine del percorso e accoglierla all’arrivo con un romantico cartello scritto a mano. Ma quando esplodono due ordigni a pochi metri dal traguardo, si risveglia in ospedale, dove scopre di aver perso le gambe nell’esplosione.

La riabilitazione fisica, e la sua tenacia pur nella tragedia che vive lo trasforma, com’è accaduto per il vero protagonista (venuto alla Festa di Roma, ad accompagnare il cast del film per raccontare la sua vera storia una speranza per i cittadini di Boston e per l’America intera dov’è diventato un simbolo di coraggio e di resistenza al dolore e alla tragedia che lo ha colpito.

Altra uscita di questo fine settimana La prima notte del giudizio, nuovo capitolo di una saga di successo horror, thriller. In due parole, per abbassare il tasso di criminalità sotto l’1% durante l’anno, una setta sperimenta una teoria sociologica che dà libero sfogo all’aggressione per la durata di una notte di violenza unica.

Prendimi! È la commedia che in Usa ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione oltre 40 milioni di dollari. Basata su una storia vera, racconta la sfida di cinque amici che fin dai tempi delle elementari, ogni anno mettono a rischio la propria pelle, il proprio lavoro e le proprie relazioni, pur di poter gridare “Preso!”. Il mese del gioco però coincide in un anno speciale con il matrimonio dell’unico giocatore ancora imbattuto.

Per i bambini nuovo capitolo delle avventure di Doraemon – La Grande Avventura in Antartide in cui il gattone azzurro non sopportando più il caldo dell’estate, trasporta i suoi amici in un enorme iceberg galleggiante nel Pacifico meridionale. Durante la creazione di un parco dei divertimenti, il gruppo ritrova nel ghiaccio un misterioso anello d’oro sepolto in Antartide e attraverso l’anello viaggia nel tempo fino a dieci mila anni prima.

Nel dramma spagnolo Estate 1993 di Carla Simon Pipó la storia di Frida, orfana di padre, che a sei anni, perde anche la madre. Non di polmonite, ma di AIDS. Lo zio e sua moglie, che hanno già una bambina, prendono con loro anche Frida che così si trasferisce nella casa di campagna degli zii, che dovrà imparare a chiamare papà e mamma, e della cuginetta che è compagna di giochi ma anche una rivale negli affetti. Film candidato dalla Spagna a correre per gli ultimi Oscar®.

È un bambino all’inizio della storia, anche il protagonista de L’incredibile viaggio del fachiro di Ken Scott con Dhanush, Erin Moriarty, Berenice Bejo. Tratto da un libro è stato definito “la risposta europea a Hollywood Party”. Un po’ troppo forse ma è la storia di Aja, poverissimo a Mumbai dove ha imparato tutti i trucchi per ingannare il prossimo, di illusionista e di ladruncolo. Il sogno di sua madre era andare a Parigi, il suo quello di entrare in un negozio dell’Ikea e vedere con i propri occhi i mobili dai nomi impronunciabili che ha imparato dal catalogo. Finalmente Aja, che è ormai cresciuto, nel negozio Ikea di Parigi incontra anche una bella ragazza americana ma non ha un soldo e decide di trascorrere la notte nascosto in un armadio. Peccato però che l’armadio venga prelevato e trasportato, con lui dentro, verso l’Inghilterra. Inizia così il rocambolesco viaggio di un eroe per caso, una sorta di “Giro del mondo in 80 giorni” dal cast multietnico, con la star indiana Dhanaush, che è anche performer, cantante, e anche prestigiatore; alla franco-argentina Berenice Bejo, all’americana Erin Moriarty, al somalo Barkhad Abdi, all’italiano Stefano Cassetti.

Tags

, , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema