Week end al cinema: Snowden – Ed è già Natale con Chiatti&Scamarcio

di Laura Delli Colli

Non c’è dubbio, il film più atteso per chi ama il thrilling ma anche la denuncia politica della Hollywood più indipendente arriva sugli schermi, dopo gli applausi alla Festa di Roma, con Snowden di Oliver Stone. È la versione cinematografica di un caso che ha appassionato il mondo e non solo gli States dopo la più grande violazione dei sistemi di sicurezza nella storia dei servizi segreti americani. Era il 2013 quando Edward Snowden lasciava la National Security Agency fuggendo clandestinamente a Hong Kong per incontrare i giornalisti Glenn Greenwald e Ewen MacAskill e la regista Laura Poitras, per una denuncia clamorosa sui programmi di sorveglianza informatica elaborati dal governo degli Stati Uniti. Consulente esperto di informatica, legato da un impegno di massima segretezza, Snowden aveva scoperto una rete di controllo informatico clamorosa, non solo sui potenziali terroristi ma su tutti i cittadini americani, con una grave violazione di diritti finite sulle prime pagine di tutti I giornali del mondo. Diretto da Oliver Stone il film, particolarmente avvincente, è interpretato da Joseph Gordon-Levitt Nicholas Cage e Melissa Leo e non ha trovato produttori, non a caso, in America.

Per chi ma il cinema italiano l’uscita di punta, mentre ‘tengono’ ancora i film di Pif e Marco Bellocchio, anticipa di un paio di settimane le Feste: dopo Io che amo solo te, Marco Ponti torna alla commedia com Laura Chiatti e Riccardo Scamarcio e La cena di Natale, e riparte da Polignano questa volta addobbata a festa per fine anno, tentando il bis con la stessa formula che ha superato un anno fa i 3 milioni e mezzo di euro. Con Scamarcio e la Chiatti, Michele Placido, Maria Pia Calzone, Antonella Attili, Eugenio Franceschini e Eva Riccobono, insieme alle new entry Dario Aita, Giulia Elettra Gorietti e Veronica Pivetti.

Nel film tratto da un libro di Luca Bianchini i due protagonisti tornano in pista, stavolta sposati e in attesa di un figlio, al centro di una serie di intrecci ed equivoci che li divideranno, li faranno ritrovare ma soprattutto ci faranno ridere. Piccola curiosità, c’è all’inizio una dedica per Bud Spencer, scomparso solo pochi mesi fa.

Di famiglia in famiglia, sempre dalla Festa di Roma dove aveva debuttato con Alice nella città arriva in sala 3 Generations – Una famiglia quasi perfetta, con la storia di tre donne della stessa inusuale famiglia newyorkese, di tre generazioni differenti, alle prese con il desiderio di Ray (Elle Fanning) che vuole cambiare sesso e operarsi per diventare un ragazzo. Sua madre Maggie (Naomi Watts), che è single, deve rintracciare il padre biologico per ottenerne il consenso legale anche se la nonna (Susan Sarandon), che è lesbica, ha qualche difficoltà ad accettare la scelta della nipote. Genitori, figli e scuola sono invece i protagonisti di Come diventare grandi nonostante i genitori, regia di Luca Lucini, che non è nuovo al tema, con Margherita Buy e Giovanna Mezzogiorno, Matthew Modine, e tra gli altri Sergio Albelli, Ninni Bruschetta, Paolo Calabresi, insomma il meglio della commedia italiana. Non solo prof e genitori nella sfida in cui la musica ha un ruolo decisamente protagonista.

È una storia di riscatto, alla ricerca di una seconda possibilità Il più grande sogno, il film di Michele Vannucci che racconta la storia vera di Mirko Frezza che dopo un passato di violenza, narcotraffico e detenzione, a quarant’anni, ricostruisce il suo futuro, con la moglie e le figlie, dando vita a un progetto di solidarietà alla Rustica dove diventa presidente del comitato di quartiere. Ha debuttato in concorso a Orizzonti alla Mostra di Venezia ed è interpretato con Frezza anche da Alessandro Borghi e dalla vera figlia di Mirko. Frezza oggi ha creato un’associazione, che tra i vari servizi distribuisce viveri e pasti caldi.

Per chiudere la panoramica delle segnalazioni più interessanti da non perdere Monte, del cineasta iraniano Amir Naderi che ambienta la sua sfida e la sua ossessione, dopo alcuni film americani questa volta in una produzione italiana, ambientata in un piccolo villaggio medioevale ai piedi, appunto, di una montagna rocciosa che impedisce alla luce e all’acqua di passare. Sarà un padre di famiglia, pressato dall’urgenza della necessità, a tentare di abbattere rabbiosamente la montagna con un martello.

Bravi i due protagonisti Andrea Sartoretti il ‘Bufalo’ di Romanzo criminale in tv e Claudia Potenza in una prova anche di resistenza fisica davvero notevole.

Tags

, , , , , , , , , , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema