Week end al cinema: Huppert in “Elle” e i ragazzi, come si raccontano con Veronesi e in Slam

di Laura Delli Colli

Non c’è dubbio, sono proprio i ragazzi protagonisti del tema universale che attraversa il cinema italiano questo week end al debutto in sala. Con due titoli che appartengono, certo, alla commedia ma che raccontano una realtà sotto gli occhi di tutti, certamente in Italia ma non solo: Non è un paese per giovani di Giovanni Veronesi e Slam Tutto per una ragazza (proprio come suggerisce il libro di Nick Hornby che lo ha ispirato) di Andrea Molaioli. Non pensiate affatto che siano film dallo spunto ‘sociologico’ o, almeno, non solo (anche se a Veronesi l’idea è nata ascoltando i giovani che chiamano la sua trasmissione radiofonica) ma guardiamo per un attimo oltre, perché l’alternativa da segnalare, oltre questi due titoli, ad un pubblico soprattutto attento al cinema d’autore internazionale e soprattutto non ai ragazzi è Elle, osannato e premiatissimo film di Paul Verhoeven, con una straordinaria Isabelle Huppert per questo candidata anche all’Oscar®, protagonista di un thriller non solo dell’anima: è Michèle, una donna borghese che lavora in una società di videogiochi, e gestisce lavoro e affetti con il pugno di ferro. Subisce una violenza ma reagisce senza scomporsi, in modo imperturbabile e quasi distaccato continuando la vita di sempre come se niente fosse e senza sporgere denuncia denuncia fino a quando non decide di scoprire da sola chi è il violentatore entrando in un gioco pericoloso di forte ambiguità…

Torniamo ai ragazzi: Non è un paese per giovani è interpretato da Filippo Scicchitano, Giovanni Anzaldo, Sara Serraiocco, con Sergio Rubini, Nino Frassica, musica di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, che già aveva collaborato con Veronesi per Italians. I protagonisti sono tre ragazzi, come tanti camerieri per caso, che lasciano Roma con una valigia piena di speranze e progetti. Molto diversi tra loro, Sandro che vuole fare lo scrittore e Luciano, segnato da un misterioso lato oscuro, cercano di “svoltare” a Cuba per gestire magari una spiaggia con il wi-fi, e se ne vanno. Incontreranno Nora, italiana e vive da anni a Cuba, ma Cuba li dividerà e sarà insieme il punto di arrivo di un road movie dei sentimenti, oltreché del racconto di un luogo che il film fotografa per l’ultima volta prima del grande cambiamento.

Veronesi ha raccontato di aver realizzato il suo film più “romantico” perché solo i giovani “hanno l’incoscienza e la sensibilità che poi crescendo si perde e che mantengono nella vita solo gli artisti”… Slam, tutto per una ragazza di Andrea Molaioli, con Luca Marinelli e Jasmine Trinca, racconta insieme la storia di una coppia giovanissima di oggi alle prese con una maternità inattesa e in questo viaggio – molto segnato per lui dal mondo, dalle regole, dal sogno dello skate – anche il confronto generazionale con due coppie di genitori molto diverse tra loro. Sam e Alice, sedicenni in cerca di identità, imprevedibilmente a Roma tra i Parioli e la periferia però non sono che un punto di partenza in un percorso che nasce con una vocazione internazionale.

Da non dimenticare gli altri titoli: il thriller Life – Non oltrepassare il limite, l’indipendente Sfashion di Mauro John Capece, ambientato nel mondo della moda come Moda mia di Marco Pollini e ancora Victoria di di Sebastian Schipper con la ragazza spagnola del titolo che si perde nella notte insieme ad un giovane o tedesco, Vieni a vivere a Napoli in cui tre registi, Edoardo De Angelis, Guido Lombardi e Francesco Prisco. raccontano integrazione e marginalità con un taglio anche ironico. Infine tre documentari: Il pugile del Duce con la storia incredibile, di Leone Jacovacci, pugile tecnicamente perfetto, agile, intelligente e potente nero nell’Italia fascista, Pino Daniele: il tempo resterà di Giorgio Verdelli, e anche il bellissimo documentario di Raul Peck I am not your negro.

 

Tags

, , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema