Week end al cinema: grande sfida sulle orme di Harry Potter…

di Laura Delli Colli

Sarà davvero difficile per il cinema italiano sopravvivere allo scontro tra i più forti che si annuncia in sala questo week end: tra il ritorno dell’immaginario di Harry Potter in versione prequel, il thriller opera seconda di Tom Ford, la love story tra Michelle e Obama e il processo storico avvincente di Denial La verità negata sembra proprio, infatti, che al botteghino la produzione più forte abbia già vinto a tavolino.

La sfida resta, però. E restano comunque alcuni titoli da scegliere – oltre il grande scontro – se non si ama solo il cinema tratto dalle pagine letterarie o se, semplicemente, si sceglierà di puntare sulle scoperte. Come Quel bravo ragazzo esordio di una star del web come Herbert Ballerina o sul coraggio di denunciare, come Ilaria Borrelli ha scelto di fare con Talkin’ to the trees, faticosamente autoprodotto e già uscito in Francia, il film che dichiara guerra al turismo sessuale e allo scandalo della prostituzione minorile: il più ‘piccolo’ e indipendente, non c’è dubbio, ma anche il più coraggioso tra i colossi di questa settimana.

Previsione troppo facile e scontata, alla vigilia, è dunque il boom al botteghino di Animali fantastici e dove trovarli che rilancia la saga del maghetto, oggi troppo cresciuto per continuare a conquistare solo i ‘vecchi’ fedelissimi, con un film che riporta stavolta alla scoperta di un nuovo capitolo del magico mondo di J.K. Rowling, raccontando cosa c’era prima di lui in un film con Eddie Redmayne nel ruolo del ‘magizoologo’ Newt Scamander che, nel 1926, quando il magico mondo newyorkese è minacciato da pericoli sempre crescenti, indaga, combatte e svela il mistero che sta seminando distruzione, rischiando di far uscire allo scoperto la comunità magica dinanzi ai No-Mag, (insomma i Babbani). C’è un cattivo ovviamente ed è il potente mago Grindelwald, introvabile dopo aver scatenato il caos in Europa e quando Newt Scamander arriva in città, quasi alla fine di un viaggio intorno al globo alla ricerca e al salvataggio di creature magiche, è l’eroe che dovrà recuperarle quando sfuggiranno, disperdendosi, dalla valigia del No-Mag Jacob Kowalski… Eddie Redmayne e Colin Farrell, con la sceneggiatura firmata dalla stessa autrice dei romanzi di Harry Potter sono i principali protagonisti di un cast corale che ha già conquistato un mercato mondiale.

Fortissimi anche altri ‘animali’ protagonisti del week end al cinema, le ‘bestie’ umane d un branco scatenato protagoniste di un thriller sofisticato e avvincente tratto da Animali notturni, libro che ha appassionato Tom Ford al punto da convincerlo, otto anni dopo, a tentare la sua opera seconda, con Amy Adams, Jake Gyllenhaal, Michael Shannon e Aaron Taylor-Johnson. Premiato a Venezia (con il Gran Premio della Giuria) è un film per spettatori raffinati ma anche per gli amanti del thrilling.

Ha un sapore diverso Denial La verità negata, proposto in anteprima all’ultima Festa di Roma, Legal drama per eccellenza, il film dell’inglese Mick Jackson riapre la pagina nera dell’Olocausto portandone il dramma nell’aula di un tribunal che mette alla sbarra il negazionismo storico.

Poco spazio per gli altri titoli che arrivano in sala, ma salviamo per gli appassionati della commedia romantica- in questo caso di grande attualità- la love story cinematografica di Michelle e Obama in Ti amo Presidente e per quell’inossidabile minoranza che sceglierà comunque il cinema europeo (Per mio figlio con Emmanuele Devos) e italiano. almeno tre titoli: Quel bravo ragazzo di e con Herbert Ballerina, molto amato dal pubblico della Rete, La sindrome di Antonio di Claudio Rossi Massimi, un film on the road che racconta un malessere esistenziale (con l’ultima interpretazione di Giorgio Albertazzi) presentato sempre a Roma -nell’ambito di Alice nella Città- e soprattutto Talkin’ to the trees. E’ un durissimo film sulla prostituzione minorile in Cambogia, prodotto, diretto e interpretato da Ilaria Borrelli, cineasta indipendente (già autrice di “Mariti in affitto” nel 2002 e di “Come le formiche” del 2007) che racconta la storia di Mia, una giovane fotografa parigina che vola in Cambogia per raggiungere il marito in cerca di un figlio a lungo atteso. Del tutto inaspettatamente scopre però che proprio l’uomo che ama ha rapporti sessuali con delle bambine del posto ”Speravo che qualche cliente mi salvasse, ma nessuno vuole portare a casa il ricordo del maiale che è” dice nel film una delle bambine costrette a prostituirsi protagoniste di Talking to the trees. Una denuncia durissima del turismo sessuale, ma anche del traffico e dello sfruttamento di minori.

Tags

, , , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema