Week end al cinema: Emma, Ryan e la passione al ritmo di La La Land

di Laura Delli Colli

Arriva La La Land e non c’è dubbio: proprio questo tra tante uscite è il film della settimana, strapremiato, perfetto, romantico per chi ama le storie sentimentali, ma anche per gli appassionati della grande Hollywood…Una macchina sincronizzata sulle attese del grande pubblico, insomma, non solo in grado di conquistare il botteghino, però, ma anche lo sguardo e il cuore di chi ama il cinema di sempre. Lo sanno bene gli spettatori che hanno avuto il privilegio di vederlo in anteprima a Venezia quando qualche mese fa il Direttore Alberto Barbera lo ha felicemente proposto proprio nella serata inaugurale dell’ultima edizione della Mostra del Cinema. E possono immaginarlo non solo quelli che amano una coppia meravigliosa come Ryan Gosling ed Emma Stone ma anche chi ha amato un altro film di quell’enfant prodige poco più che trentenne che è il regista del film, quel genio assoluto di Damien Chazelle: quel film era Whiplash e anche lì un gran ritmo in ogni senso riusciva a conquistare immediatamente il pubblico. Clima completamente diverso in queste due ore di grande cinema dove una storia d’amore diventa anche un meraviglioso viaggio nel cinema che amiamo: spettacolo, musica, canzoni, con leggerezza ma non solo in un duetto perfetto che racconta la storia di Mia, aspirante attrice che tra un provino e l’altro, sogna di “sfondare” servendo il cappuccino alle star degli Studios e Sebastian, ottimo musicista jazz che però, per vivere, è costretto a suonare nei piano bar anche il suo talento jazz meriterebbe ben altro ingaggio. Il sogno del successo li unisce nelle passioni ma anche in uno scontro-incontro continuo ma sarà proprio il successo a mettere alla prova la resistenza, non solo sentimentale, di questi due simpatici sognatori che tentano di arrivare a fine mese, inseguendo i loro sogni in un luogo destinato ad infrangere cuori e aspirazioni.

Dopo il successo record agli ultimi Golden Globes, dove ha conquistato 7 premi, La La Land ha raddoppiato agli Oscar® con ben 14 nominations entrando già nella storia degli Academy Awards con un altro record: solo altri due film –Eva contro Eva e Titanic- hanno conquistato questo stesso clamoroso numero di candidature.

Per chi non ama troppo zucchero c’è Split, il thriller di M. Night Shyamalan su un personaggio che ha oltre ventitrè personalità. Shyamalan, regista rivelazione che si era fatto conoscere con Il sesto senso stavolta ha dalla sua un attore come James Mc Avoy che interpreta un sociopatico molto pericoloso. E già questo basta a segnalare il film a chi ama il thriller e magari ha adorato Hitchcock.

Altre segnalazioni: esce nelle Giornate della Memoria Maestro, un documentario di Alexander Valenti sul recupero degli spartiti scritti nei campi di concentramento da parte del compositore Francesco Lotoro, partitur e riscoperte scritte sulla carta igienica o sul brandello di un sacco, anche solo con un pezzo di carbone, comunque nel buio dei lager: dedicato a non dimenticare i campi di sterminio neanche attraverso la musica, è stato realizzato dall’autore argentino Alexander Valenti e coprodotto tra Italia e Francia (con l’alto patrocinio dell’Unesco e in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane). In clima con la memoria Il viaggio di Fanny di Lola Doillon, che racconta la storia della ragazzina, appena tredicenne, che nel 1943 riuscì da sola a portare con sè un gruppo di bambini ebrei dalla Francia alla Svizzera, sfuggendo all’esercito nazista. Fanny Ben-Ami, oggi 86 enne, è la vera eroina che Il viaggio di Fanny, ricorda. Tra gli altri titoli, escono in sala anche A German Life e Austerlitz di Sergei Lonitsza e un pò di animazione dall’Oriente con Your Name e Doraemon Il Film – Nobita e la nascita del Giappone e ancora Fallen di Scott Hicks e soprattutto il bel film che ha vinto un doppio premio a Pesaro Les Ogres, proprio come gli orchi. Che, perla regista Léa Fehner non sono altro che quegli uomini incapaci di crescere e di invecchiare che il film racconta attraverso il viaggio di una bizzarra compagnia di artisti girovaghi.

Per le ragazze e i ragazzi da commedia blockbuster c’è in Proprio lui James Franco (quasi) genero giovanissimo, viziato e miliardario alle prese con un suocero vecchia guardia che però imparerà ad accettarlo. Arriva infine in sala anche il drammatico Riparare i viventi, della regista Katell Quillévéré, storia molto intensa di un cuore giovane che, trova un nuovo corpo e regala così un nuovo capitolo di vita a chi pensava di non avere un futuro.

Cuori che battono, cuori che trasmigrano, cuori che s’infrangono e si ritrovano. Le storie sono diverse ma c’è un’emozione per tutti i gusti.

 

Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema