Tsukamoto, Andersson, De Oliveira: a Venezia da tutto il mondo

di TBWA-admin

Overbooking e applausi addirittura ai titoli di testa per il ritorno a Venezia di  Shinya Tsukamoto, regista di culto che torna in concorso con Nobi – Fuochi nella pianura, tratto dal romanzo di Shōhei Ōoka La strana guerra del soldato Tamura, storia di un soldato giapponese, malato di TBC e per questo abbandonato dal proprio plotone, in attesa che la malattia lo divori fino alla fine.

 

La trilogia vivente di Roy Andersson dalla Svezia ha portato in concorso un altro film in corsa per il Leone d’Oro, Un piccione seduto su un ramo che riflette sull’esistenza.

 

Al Lido, sempre più attento ai ‘grandi vecchi’ del cinema, è arrivato anche Il vecchio di Belem del portoghese ultracentenario Manoel De Oliveira, 105 anni compiuti, che non è venuto al Lido perché già impegnato su un nuovo set!

Tags

, , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema