Premi europei a Berlino e Roma caput cinema

di Laura Delli Colli

Week end strategico per il cinema di qualità: a Berlino si assegnano gli Oscar® europei e l’Unesco ha appena scelto Roma come ‘città creativa per il cinema’, un titolo di eccellenza che incorona ancora una volta nel mondo la sua ‘grande bellezza’. Mentre Hollywood si prepara ai prossimi Golden Globes e all’appuntamento con gli Academy Awards 2016, proprio in questi giorni (e fino al 21 Febbraio prossimo) l’Europa risponde, insomma, accendendo a Berlino i riflettori sugli attesissimi European Film Awards, e soprattutto, guardando già alla 66.ma edizione della Berlinale, come il più importante mercato d’inverno per il cinema di tutto il mondo.

Un cinema più di sempre all star visto che sul red carpet con la presidente di giuria Meryl Streep, arriveranno, tanto per cominciare, Jude Law, Nicole Kidman e Colin Firth, tra i protagonisti dei primi cinque titoli già annunciati. Sono: Alone in Berlin di Vincent Perez con Emma Thompson, Brendan Gleeson e Daniel Bruehl, l’opera prima Genius di Michael Grandage (appunto con Firth, Jude Law e Kidman), e, ancora, Boris sans Beatrice del canadese Denis Coté, Midnight Special di Jeff Nichols con Michael Shannon, Kirsten Dunst, Adam Driver, Sam Shepard, oltre ai due documentari Zero Days dell’americano premio Oscar® Alex Gibney e fuori concorso, Where to invade next di Michael Moore.

 

Agli EFA gran festa per il cinema italiano

Aspettando la Berlinale, agli Efa gran festa anche per il cinema italiano: Youth ha guadagnato le nomination come European film ed European director per Paolo Sorrentino; European Actor per sir Michael Caine che riceve comunque il Premio d’Onore del Presidente e del Consiglio Direttivo dell’EFA.

Altre candidature di Youth in questa 28.ma edizione degli Oscar® europei: European Actress per Rachel Weisz ed European Screenwriter ancora per Sorrentino. Grande favorito tra i titoli finalisti il film di Sorrentino segna ‘in casa’ lo scontro con Nanni Moretti:  Mia Madre è in corsa con Moretti, Regista Europeo 2015 (e Margherita Buy, protagonista del film è candidata come Attrice Europea 2015).

 

Una sorpresa tra i documentari

Ancora una piccola sorpresa per l’Italia è la candidatura di Dancing with Maria di Ivan Gergolet tra i documentari. Tra gli altri I due film che hanno avuto quattro nominations ci sono il Leone d’oro della Mostra di Venezia dell’anno scorso, A pigeon sat on a branch reflecting on existence dello svedese Roy Andersson), e The Lobster, diretto dal greco Yorgos Lanthimos. Il titolo  svedese è candidato come miglior film e migliore commedia, Andersson è in gara invece come miglior regista e sceneggiatore, mentre The Lobster è stato invece candidato come miglior film, miglior regia, sceneggiatura e per il miglior attore (Colin Farrell). Ancora: alla pellicola tedesca Victoria sono andate le nominations come miglior film e migliore regia (per Sebastian Schipper) migliore attrice, la spagnola Laia Costa.. Come si dice ‘buon cinema’ in tedesco?

 

 

Tags

, , , , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema