Oscar 2016: ma Spotlight è davvero il miglior film dell’anno?

di Gianni Canova

L’Oscar a DiCaprio e quello a Morricone. La scoperta di Alicia Vikander e di Brie Larson come nuove icone femminili nel firmamento hollywoodiano. Il riconoscimento alla Pixar per Inside Out come miglior film d’animazione. E poi l’Oscar per il terzo anno consecutivo a Emmanuel Lubezki per la fotografia di Revenant (dopo quelli vinti nel 2014 per Gravity e nel 2015 per Birdman) e quello per il secondo anno consecutivo a Alejandro Gonzales Inarritu per la regia di Revenant (dopo quello vinto lo scorso anno per Birdman).  Sono questi i dati di fondo di un’edizione degli Oscar che verrà ricordata più per i premi tecnici (le sei statuette a Mad Max: Fury Road, tutte ineccepibili e indiscutibili) che per il discutibile Oscar a Spotlight come miglior film e come miglior sceneggiatura originale. Perché discutibile? Perché quello di Tom McCarthy è un film infarcito di buone e lodevoli intenzioni, ma – secondo me – modesto sul piano formale.

Un film che colpisce un bersaglio che andava colpito (la pedofilia coperta e protetta dalle gerarchie della chiesa cattolica) ma che lo fa con soluzioni linguistiche, ritmiche ed espressive da anni Settanta. Poco male? Sì e no. Il cinema  in questa edizione della notte degli Oscar poteva entrare nel mito (con Revenant e con Mad Max) e invece si è accontentato di restare nella cronaca. I giurati dell’Academy hanno voluto dare un segno politico – preparato e legittimato anche dall’intervento del vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden alla cerimonia – non capendo che i contenuti che passano in un film non sono mai quelli espliciti e dichiarati (come nel caso di Spotlight), ma quelli sotterranei e metaforici (come nel caso di Revenant e di Mad Max).  Poco male. Noi facciamo festa per l’Oscar a Morricone e per la colonna sonora tesa nevosa e nervosa che il maestro ha scritto per il film di Quentin Tarantino. E ci rammarichiamo che nell’omaggio In memoriam dedicato agli uomini di cinema che se ne sono andati nell’ultimo anno l’Academy si sia sì ricordata di Ettore Scola (ci mancava: ha avuto ben quattro nomination!) ma si sia dimenticata di grandi autori europei come il francese Jacques Rivette e il nostro Claudio Caligari (che pure rappresentava l’Italia in questa edizione degli Oscar con il suo Non essere cattivo, uscito postumo). Segno – ancora una volta – che nonostante le buone intenzioni l’Academy non riesce a guarire dagli antichi vizi del solipsismo e dell’autoreferenzialità.

Tags

, , , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Room, Brooklyn e Suffragette nuovi film. Oscar analisi 2 anni fa

[…] secondo il critico cinematografico Gianni Canova, che ha seguito la diretta Sky dall’Italia. Su We Love Cinema spiega che c’era di meglio su cui puntare per far entrare nel mito questa ultima Notte degli […]

Leonardo Di Caprio vince l’Oscar. Spotlight è il film dell’anno, ma il miglior regista è ancora Alejandro G.Inarritu | Stanze di Cinema 2 anni fa

[…] recitazione, a prevalere. Uno di quei film che solo gli americani sanno fare e che fanno benissimo. Ma che certo non dice molto sullo stato della settima arte oggi, così come fanno invece due film assoluti come The Revenant e Mad Max: Fury […]

Pio Pelacchi 2 anni fa

So d accordo c'era sicuramente di meglio !!!!!!!! SONO MOLTO FELICE PER MORRICONE E DI CAPRIO !!!!! DUE MOSTRI SACRI ..!!! Per TROPPO tempo Dimenticati !!!!!!!

Segui welovecinema

We Love Cinema