Giornate degli Autori 2014

di TBWA-admin

Capita sempre di sentire qualcuno che parla male del cinema italiano. Perché è facile generalizzare. Capita anche, però, ed è bello quando succede, di imbattersi in qualcosa che smentisce i luoghi comuni, che nega il vociare indistinto e che seda la polemica. Capita anche che, spesso, questo qualcosa non sia frutto del caso, ma sia nato dalla scelta sensibile e coraggiosa di chi vuole provare veramente a cambiare le cose. E ci mette la faccia. È quello che ci ha dimostrato l’XI edizione delle Giornate degli Autori, che si terrà a Venezia dal 27 agosto al 6 settembre durante la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica.

Undici edizioni sono abbastanza per potersi sedere comodi e vivere di rendita. Oppure sono una sfida che si fa avvincente perché di cinema in un decennio se ne è raccontato tanto, e solo la voglia di continuare a raccontarlo con uno sguardo curioso, angolato, lucido permette di trovare strade non battute.

Il fil rouge che lega i film presentati, e che ha guidato la selezione, è la voglia di raccontare i giovani, quelli di oggi, non solo italiani, che a volte non hanno un futuro, altre ce l’hanno, ma non lo hanno scelto. Giovani stanchi, arrabbiati, soli, innamorati, delusi e ancora pieni di aspettative.

Del cinema italiano si sente sempre parlare male. A volte, però, converrebbe fare silenzio in sala, guardare sullo schermo e aspettare. Potrebbe capitare di scoprire che questo cinema ha ancora molto da dire.

Per questo BNL Gruppo BNP Paribas, ha scelto di essere partner delle Giornate degli Autori, quest’anno con una novità in più: per la prima volta la Banca consegnerà il Premio del Pubblico BNL, al film più votato tra quelli della selezione ufficiale, attraverso una votazione “in diretta” tramite una cartolina.

Tags

, ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema