Festa del Cinema: Callas, Ian McKellen, Soderbergh. E l’esordio dei The Jackal, per ridere nello spazio…

Giornata di icone alla Festa del Cinema con Maria by Callas: In Her Own Words di Tom Volf e l’arrivo di Ian McKellen atteso da un vero e proprio fan club di appassionati.

A 40 anni dalla morte, un film prezioso e unico ci ha raccontato una donna unica, non solo la cantante d’opera più famosa di tutti i tempi, in un documentario ricco di immagini inedite, fotografie, super8, registrazioni private, lettere e rari filmati d’archivio del dietro le quinte degli spettacoli, per la prima volta a colori. Tutto attraverso le parole della Callas e le storie intime dei protagonisti del suo tempo: Onassis, Marilyn Monroe, Alain Delon, Yves Saint-Laurent, John F. Kennedy, Luchino Visconti, Winston Churchill, Grace Kelly, Liz Taylor e molti altri.

Ian McKellen, straordinario attore shakespeariano, vincitore di un Golden Globe e di due Tony Award, candidato a due premi Oscar®, è stato al centro dell’Incontro Ravvicinato con il pubblico. Magneto, nella saga cinematografica degli “X-Men”, Gandalf, nelle trilogie de “Il Signore degli Anelli” e de “Lo Hobbit”. McKellen ha condiviso con gli appassionati il suo profondo amore per il cinema, in particolare (lo sapevate?) per il genio comico di Jacques Tati.

Al MAXXI ha poi presentato il documentario McKellen: Playing the Part, basato sull’intervista esclusiva di quattordici ore realizzata da Joe Stephenson, durante la quale parla della sua vita: dall’educazione in Wigan alla fama internazionale, passando all’attivismo gay. Nel doc viene utilizzato del raro materiale d’archivio: fotografie inedite, filmati esclusivi dei primi lavori a teatro e scene di vita riproposte sul grande schermo.

E materiale d’archivio è anche al centro dei ’tagli’ cinematografici utilizzati per presentare al pubblico della festa Michael Nyman, regista, compositore, pianista direttore d’orchestra, e musicologo di innegabile finezza, nel suo stretto legame con il cinema ma anche con la visual art e la fotografia: i suoi film sono stati infatti esposti in prestigiose istituzioni culturali internazionali, tra cui il Museum of Modern Art di New York, il Tate Modern e il British Museum di Londra.

Documenti d’epoca anche in Scotty and the Secret History of Hollywood di Matt Tyrnauer. Il documentario, in puro stile cinéma-vérité, è una storia segreta di Hollywood ma anche un film che “traccia la storia della sessualità nella seconda metà del ventesimo secolo, quando la Seconda Guerra Mondiale arrivò a squarciare una società puritana ancora attaccata alla moralità dell’epoca vittoriana” ha detto il regista. “Los Angeles, e la colonia cinematografica in particolare, era una zona di libertà e sperimentazione. Scotty è diventato un simbolo per aver sdoganato il divertimento in quel periodo”.

Grande cinema oggi con Logan Lucky, il nuovo atteso film di Steven Soderbergh, premio Oscar® per Traffic, autore di celebri produzioni che vanno da Sesso, bugie e videotape a Magic Mike. Dopo l’incursione nel mondo della serialità televisiva attraverso le atmosfere gotiche e perturbanti di The Knick, Steven Soderbergh torna sul grande schermo con una pellicola corale che rievoca circostanze e temi della trilogia di “Ocean”: in Logan Lucky, racconta le fasi di una complessa e rischiosa rapina che si compie nel corso di una delle più note e adrenaliniche gare Nascar.

Ancora: One of These Days di Nadim Tabet. ci ha raccontato ventiquattro ore di un gruppo di giovani a Beirut, intelligenti, belli e affamati di vita. Beirut sta vivendo un altro attacco terroristico con manifestazioni in strada e posti di blocco di polizia. Per questa generazione, che ha conosciuto la guerra fin dalla nascita, purtroppo è solo un giorno come un altro. Resta loro la musica, la giovinezza e i loro sogni. Giocano a sedursi, si innamorano e disinnamorano e, così facendo, uccidono la noia.

Oggi, infine, al via alla Casa del Cinema “Politeama – Lettura concerto”: reading integrale del romanzo di esordio di Gianni Amelio letto interamente da una spettacolare compagnia di attrici, attori, autori, intellettuali e compagni di strada che metterà in scena una biografia toccante, romanzesca, palpitante e tragica, proprio come in un film. Fra i protagonisti Luca Argentero, Paolo Briguglia, Francesco Bruni, Pino Calabrese, Renato Carpentieri, Roberto Citran, Serena Dandini, Roberto De Francesco, Giuliana De Sio, Piera Degli Esposti, Fabrizio Falco, Iaia Forte, Stefano Fresi, Elio Germano, Monica Guerritore, Raffaella Lebboroni, Enrico Lo Verso, Valentina Lodovini, Marco Messeri, Micaela Ramazzotti, Lina Sastri, Giulio Scarpati, Massimo Venturiello, Nora Venturini.

Al MAXXI per Doppia Difesa protagonista ancora una storia di femmnicidio in Uccisa in attesa di giudizio di Andrea Costantini con Ambra Angiolini e Alessio Boni. Prodotto dalla Camaleo, è ispirato alla campagna lanciata da Doppia Difesa “Stop alle donne che muoiono in attesa di giudizio”. Per l’occasione, un incontro sui temi della giustizia e della violenza contro le donne.

Per Alice nella città, infine oggi è il giorno di Addio fottuti musi verdi di Francesco Ebbasta e Freak Show di Trudie Styler.

Freak Show è basato sul romanzo cult di James St. James, racconta la coinvolgente, commovente e divertente storia di Billy Bloom, un audace ed eccentrico teenager che, vittima di bullismo, decide di combattere in nome di tutti i freak incompresi.

Addio fottuti Musi Verdi di Francesco Ebbasta è il film d’esordio dei The Jackal. Il protagonista è Ciro, un super qualificato grafico pubblicitario, specializzato in porte in faccia e collezionista di delusioni, che decide di partecipare a un concorso e mandare il suo curriculum nientedimeno che agli alieni. In uscita il 9 novembre in ben 250 copie per la gioia dei loro seguaci sul web…

Tags

, , , , , , ,

Condividi quest'articolo

Commenti

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrato

CLICCA QUI PER
REGISTRARTI

Segui welovecinema

We Love Cinema